giovedì 29 marzo 2018

Addio all'inverno con colori

In tutti i musei e gallerie d'arte visitate di recente non era proibito fotografare i dipinti o le altre opere esposte. Non so se sia una buona cosa, forse no, perché oramai chiunque è dotato di cellulare con fotocamera incorporata, ovvio, ci si distrae parecchio, sia che si sia noi stessi i fotografi, sia che si faccia a gara per accaparrarsi il posto migliore per procedere allo scatto.
Un po' ansiogeno, devo dire. D'altra parte guardare da vicino i dipinti mi è sempre piaciuto molto. Scoprire l'effetto totalmente differente tra l'osservazione della pennellata e quella dell'insieme continua a rimanere uno di quei misteri che provocano il mio stupore. Così mi sono unita più o meno senza vergogna all'azione massificatrice regalataci dai nostri smart phone, profanando il prezioso ricordo per la sua immagine stampabile o riproducibile all'infinito su social e piattaforme varie.
Ho salutato così la fine dell'inverno, con gli impressionisti in mostra a Palazzo Reale, della Collezione del Philadelphia Museum of Art




il famoso Renoir in una versione del ponte fatto costruire sul laghetto del suo giardino in Normandia


le riflessioni sull'arte, scritte e mimate da due interessatissime spettatrici, senza cellulare!





Van Gogh e uno dei suoi stupendi dipinti sui fiori


Henri Rousseau


Marc Chagall et l'Amour



Van Gogh con i suoi gialli per dipingere il volto di un fanciullo


Paul Klee e i suoi mondi incantati



Constantin Brancusi e il suo Bacio




Vassily Kandinsky e i suoi splendidi e perfetti cerchi




Queste invece sono le mie (nel senso di fotografate da me) tamerici in piena fioritura.
Poiché questo pomeriggio il sole splendeva forte qui da noi.
Primavera

2 commenti:

  1. Sì, è bello essere liberi di fare foto al museo, ma a volte stanca e distrae, e alla fine non si riesce a gustare appieno la mostra (oltre a possibili antipatiche competizione per fotografare il dipinto più ambito). Comunque belle foto le tue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissimo Alli, (mi permetto anch'io di chiamarti così). Sì, distrae parecchio! Dove non si può si entra nelle Gallerie d'Arte quasi come si entra in una Chiesa! Sì, insomma, cielo un maggiore mistero e raccoglimento (anche se ormai anche nelle chiese…) insomma, Buona Pasqua :-)

      Elimina