sabato 25 novembre 2017

Amalia









Ho iniziato ieri a leggere L’amore molesto di Elena Ferrante, non sono riuscita a terminarne la lettura per oggi, Giornata Internazionale per ricordare e contrastare la violenza sulle donne, ma ne parlo ugualmente perchè già mi ha dato un’infinità di spunti di riflessione.
Per partecipare, come biblioteca, a questa giornata, vorrei con questo articolo e tramite la lettura intrapresa ieri,  accennare al difficile e, a volte, estramemente inquietante, mondo di donne normali, innocenti, quanto ogni essere umano può essere, se osservato dal punto di vista della sua volontà di sopravvivenza, della sua identità e quindi della sua storia personale, della sua necessità di gratificazione, di riconoscimento, e, persino, d’amore; di tutto questo parla questo libro profondo e difficile.
Certo il contrario dell’ideale di amore cortese, certo il contrario delle storie d’amore a lieto fine, il contrario anche delle storie di amori appassionati e vincenti, dove gli ostacoli incontrati, per quanto numerosi, sono abbattuti dalla forza d’animo dei protagonisti, o aiutati dagli eventi che, nel corso dell’esistenza, si verificano.




https://bibliotecaliceofigari.wordpress.com/2017/11/25/amalia/

8 commenti:

  1. Risposte
    1. 🙏 dimmi cosa ne pensi ☺️🙏🙏

      Elimina
    2. Si capisce quello che voglio dire? È efficace? Può essere utile?

      Elimina
    3. Ricordo anche il film che non era male, comunque tornando al tema, molte donne vivono nei silenzi e subiscono tante violenze. Un uomo che non rispetta, non può mai donare amore, essendo un vigliacco e una bestia.
      Saluti a presto.

      PS

      Ti ho segnalato con un link, in un post nel mio blog.

      Elimina
  2. Sono qui per porgerti un invito, potrebbe sembrare fuori luogo, l'ho pensato leggendo il tuo emozionante pezzo, poi mi sono resa conto che la nostra quotidianità è tutto questo. Tornando indietro agli anni '90 ho ricordato le cronache del mostro di Marcinelle, quello eclatante visibile, mentre non ci accorgiamo o sorvoliamo alla moltitudine di piccoli e grandi mostri che frantumano le donne nell'ordinario quotidiano.
    Invito
    Ti ho nominata in un gioco, per stare un po' insieme, magari sorridere insieme... Sentiti libera, se ti va.
    Questo è il post: http://lasantafuriosa.blogspot.it/2017/11/tagvery-pop-blog-i-miei-anni-90.html
    Il regolamento del gioco lo trovi sempre sul post.
    Se ne hai voglia... Anni a confronto, ricordi diversi.
    Un abbraccio
    Santa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa cara, ma ho appena pubblicato il pezzo e mi sento di abbracciarti perché mi ha fatto un piacere infinito scriverlo, per merito tuo! Grazie! Un abbraccio grandissimo.

      Purtroppo non sono molto disciplinata e ho pochissima pazienza, ma i Novanta sono davvero ... un romanzo :-)****

      Elimina