martedì 4 luglio 2017

Do camiño


Parto, voy



che fortuna, che bellezza, più in alto (más alto) della cima delle montagne







Sarria, nel pomeriggio dell'arrivo, il 20 giugno. Il passaggio dei pellegrini non si ferma mai, chi a piedi e chi a cavallo, chi in bici. Per questo pomeriggio posso curiosare un po' lungo il Malecón che costeggia un piccolo canale, l'inizio del cammino è previsto per domani.


Più in alto, dopo aver percorso una scalinata ecco il segnale del cammino sulla facciata di una vecchia casa abbandonata.


La salita prosegue


Bellissimo e antico, ma funzionante alla perfezione, negozio di barbiere


Yo, con sfondo di piastrelle blu.


Panorama di Sarria


Rondini ovunque, anche nell'insegna della cafeteria.


Si inizia… è il mattino del 21, solstizio d'estate, ventimila anni fa, il 21 giugno mi sono laureata. Oggi cammino. Auguri a me!


Il primo degli infiniti sentieri circondati da alberi di ogni tipo, forse in questa zona prevalgono i castagni. Sono incredula e felice, forse un poco preoccupata, dell'avvenire, tanto per cambiare, dei miei piedi e della mia schiena che sopporta un bel po' di peso dello zaino super tecnologico… pesante…


Vado avanti, i primi campi di mais, ne troverò in continuazione. Il mais, ho letto un po' di tempo fa, è una pianta incredibile, cresce ovunque e si adatta a tutte le condizioni, persino alle manipolazioni, alle quali è da tanto tempo sottoposta.


Il primo ruscello


Il silenzio e la luce che penetra attraverso le foglie, la bontà dell'esistenza, ora.


Castagni














I fiori che mi hanno accompagnato per tutto il cammino


Mancano solamente 111,571 km.


Hasta luego



A parte quelle dove appaio io, le foto sono tutte fatte da me, con un iPhone 7


Nessun commento:

Posta un commento