lunedì 22 agosto 2016

A J D

Post collegato ai commenti del post su Bukowski




8 commenti:

  1. Bukowski, nella poesia che hai messo ieri, non fa una proposta, fa una constatazione. Se si hanno dei princìpi, si va incontro a delle difficoltà. Anche sulle cose minime, una canzone, l'andare in discoteca (a me non piace andare in discoteca, c'è troppo rumore; ho perso molte belle occasioni per averlo detto: è una cosa piccola? non sempre, soprattutto fra i 20 e i 30 pesa...), eccetera. Chi è conformista, chi segue quello che piace in quel momento, fa una vita migliore. In politica, questo atteggiamento può portare a disastri; ma qui mi fermo, non voglio andare troppo in profondità, è solo un piccolo commento...
    Di certo, ci sono tanti che si dicono controcorrente e poi invece fanno una vita "da pascià", come si diceva una volta. La frasetta rétro la lascio, perché la parola "controcorrente" la usava Montanelli (chi se lo ricorda più?) che pure qualche difficoltà nella sua vita l'ha avuta; pensano o dicono di essere controcorrente quelli che sono seduti sulla sua poltrona, direi molto abusivamente, e che poi fanno tutto quello che gli pare e se la spassano.
    I salmoni vanno controcorrente, è molto dura e rischiano la vita. Più modestamente, quelli come Bukowski rischiano l'alcolismo o la solitudine; altri fanno l'elogio della vita spericolata ma poi sono più conformisti di altri. (Ci sono anche le storie a lieto fine, però!)
    buona Sardegna
    :-)

    RispondiElimina
  2. Di quegli ultimi conformisti che dici tu ne conosco, s psrole sono rivoluzionari e invisi a qualsiasi organo di controllo, nella realtà sono più servili dei servi e per pararsi il c... sarebbero capaci di vendere madre e memoria. Ecco quelli indicava Bukowski, a me almeno

    RispondiElimina
  3. Grazie per la dedica! Sono commosso. Bella spiaggia!

    Sono anche d'accordo su tutto con Giuliano, tra l'altro, ho avuto anch'io lo stesso problema con le discoteche.
    Non credo di averci perso delle occasioni, tanto quando entravo in quelle bolge lì mi trasformavo in un pezzo di gelatina sorda e muta, era proprio quasi panico.
    E' solo la terza riga della poesia che continua a suonarmi male. E' bello provarci sul serio e non lasciarsi spaventare da niente "perché si hanno dei principi".
    Ma essendo esseri umani siamo fallibili e se io leggo la riga senza riflettere bene, allora posso pensare: "Bukowski mi dice di far valere le mie ragioni contro il mondo, perché ho ragione io, porca puttana, contro tutto e tutti. Allora, tutti quelli che non sono con me sono "ostacoli" sulla mia strada. E se devo perdere amici, ragazza moglie ecc. ecc., ok, tanto chi ne ha bisogno? L'isolamento è il premio ecc. ecc. ...
    Ma, il problema è quando magari anche la ragazza, la moglie ecc RAGIONANO COSI'.
    Naturalmente non è questo che dice Bukowski, ma la si può vedere anche così.
    Io credo solo che sarebbe meglio sforzarsi anche di vedere il loro punto di vista ed esercitare un pochino di compromesso (cosa che mi è riuscita bene pochissime volte comunque).
    Io sono già abbastanza isolato di mio, il voler essere tutto d'un pezzo è bello in teoria, ma a volte, se ci rifletti dopo qualche mese o qualche anno la vedi in un altro modo, e un 'occasione persa non torna più.
    Compromessi non certo sulla politica o la "moralità", ma sulle differenze caratteriali sì. Su quelle, ho perso delle occasioni.

    Vabè, ma finisco di commentare. Tanto ho ragione io :DDD
    Grazie ancora, B.M.

    RispondiElimina
  4. e la Sardegna e il vento che non smette di soffiare forte dall'inizio dell'anno ad oggi :D

    RispondiElimina
  5. sì, ha ragione JD :-) infatti io sono sceso diverse volte a compromessi e ammetto di averlo fatto per amore. Ma non è che la cosa sia stata molto compresa... Va beh, ho comunque passato dei bei momenti e ho dei bei ricordi. (stavo per scrivere: "sai come sono fatte le donne" !!!) (eppure, anche nei luoghi comuni si nascondono delle verità, sai quante ne ho incontrate) (e noi maschi con il calcio, lo so, lo so)
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, Giuliano, devo deluderti, nella mia vita non ho avuto mai (nelle migliaia di amori maschi incontrati!), mai dico, qualcuno che fosse appassionato di calcio :D :D :D (lo so, non mi commenterai mai più :-(
      Baci ;-)

      Elimina
  6. a me piaceva molto il Cagliari di Gigi Riva, batteva anche la mia Juve ma il Cagliari era bello. Belle anche le maglie, me le ricordo sempre (ma perché oggi fanno delle maglie così brutte??? non si capisce nemmeno che squadre giocano)

    RispondiElimina