lunedì 30 novembre 2015

Mentre rientravo a casa

mi è venuta in mente
perché ne avevo un gran bisogno


da qui
ringrazio la pagina Franco Battiato vevo per questo video e soprattutto per la possibilità di ri-ascoltare questo magnifico brano di musica e di spiritualità.

martedì 24 novembre 2015

Nuovi blog

Oggi al mio blog si aggiunge un nuovo link,

parla di Arte, in modo esperto e spiritoso … o, almeno, dico spiritoso perché lei, l'autrice, è simpatica.

La gioconda errante si chiama

Visitatelo. Questo è un mio dono alla errante critica d'arte:





foto scattate dall'autobus in viaggio verso Fiumicino


domenica 22 novembre 2015

Transverberazione

E poi, a Roma, volevo vedere questa


La transverberazione di Santa Teresa d'Avila


e fotografarla


di Gian Lorenzo Bernini



 a Santa Maria della Vittoria



venerdì 20 novembre 2015

Lo scorso fine settimana a Roma

Lo scorso fine settimana, da venerdì mattina, per l'esattezza, sono stata a Roma.
Ho aderito allo sciopero indetto dai Cobas per venerdì 13 novembre e ne ho approfittato per volare a Roma e partecipare alla manifestazione, magari anche solo con la mia macchina fotografica.
La parte più allegra, viva e vitale era rappresentata, ovviamente, da un piccolo corteo di studenti medi. È loro il fumo rosa che appare in questa foto. Qui siamo in viale Trastevere.


Un invito rivolto al super prefetto Gabrielli, caro a renzi e al Vaticano.


Su ponte Garibaldi aspetto il corteo all'imbocco di via Arenula.


Il Jobs Act è nominato almeno una volta. Anche se ormai pare siano prevalsi i pareri favorevoli, nell'Italietta che conta.


No alla distruzione della scuola pubblica, passa accanto alle mura antiche del Pantheon


È sempre bellissimo e stupefacente


La bellezza, la magia e la serenità di Piazza Navona








Lo vedete l'uomo di spalle che sembra correre con la sua cartella ventiquattrore e la sua cravatta rossa al vento verso una importante meta? È un artista di strada, di quelli che stanno immobili per ore nelle pose più strane.


Molto amati da mamme, maestre e bambini … beh, sì, insomma, a volte.





A me piacciono, non tralascio mai di dare il mio piccolo riconoscimento.


Lui, invece era un gabbiano sui marmi di una delle fontane, chiacchierava, non so con chi o con cosa, proprio come me, a volte.


Non poteva sfuggirmi la targa della scuola d'Arte


e uno scorcio di vicolo romano


da ponte Garibaldi verso ponte Sisto o ponte di Agrippa


Sul lungotevere Raffaello Sanzio, ho visto la targa che non avevo visto mai





La corsa del Tevere


Un negozio con bei fiori, begli animali, belle persone, un bel negozio.


La piazza del Pantheon il giorno dopo la manifestazione



Campo de' fiori



Una manifestazione a sostegno del giudice Di Matteo in piazza Santi Apostoli








 Mostre al Palazzo delle Esposizioni in via Nazionale











Dalla Piazza del Quirinale, a sera


La festa


Piazza di Pietra, con le sue  "11 colonne corinzie lungo il lato nord, alte 15 metri e del diametro di 1,44 metri, innalzate sopra un podio di peperino alto 4 metri (in origine rivestito di marmo), oggi interrato rispetto alla piazza per via dell'innalzamento del livello stradale. Al di sopra delle colonne si conserva anche un tratto della loro trabeazione, che prosegue, rifatta modernamente, anche sulle ali laterali dell'edificio che ha inglobato il tempio." da qui







il mio Mojito


lunedì 16 novembre 2015

Il nostro modo di vivere

Quello che è accaduto a Parigi è mostruoso.
Voglio dirlo anch'io.
Come mostruosa è stata la strage di Ankara dello scorso ottobre.
Incomprensibile e paurosa è stata la vittoria di Erdogan nelle elezioni successive.
Incomprensibile mi appare che gli si permetta di bombardare le postazioni dei curdi che combattono contro l'Isis.
Incomprensibile che si facciano i summit internazionali in quel paese il cui governo attuale incarcera i dissidenti.
Incomprensibile che di fronte a questi eventi mostruosi si adottino sempre le stesse identiche "strategie" di lettura e si propongano gli stessi, inutili o ancor più dannosi "rimedi".

Mi è capitato, proprio sabato di trovarmi qui



bibliomatilda's pic

alla perenne festa della Fontana di Trevi. Ogni volta e questa volta forse ancora di più, rimango sgomenta a vedere come viviamo e ad immaginare come si possa morire e a chiedermi come e perché e chi e cosa siamo e i sentimenti buoni, di entusiasmo e incanto e quelli che incanto ed entusiasmo e felicità non riescono o non possono provare. E a chiedermi a chi tutti i sentimenti positivi possono dar fastidio e a chi tutti gli atteggiamenti passivi e di obbedienza e di sottomissione e di paura possano servire.

E non posso far a meno di pensare che noi, le nostre stragi le abbiamo confezionate in patria, in posti così, come questo, affollati di gente comune, che pensava, forse di vivere in uno dei mondi migliori.
Nelle nostre città più belle, come Bologna, come Milano, come Brescia …


sabato 7 novembre 2015

Sta prendendo forma





immagine tratta da qui

Il mio primo catalogo on line, meglio, il primo catalogo on line della biblioteca dove lavoro!
Alla buonora!!!! Direte voi, ma come al solito ognuno sa di sé e non ho nulla del quale devo giustificarmi. Uno dei m motivi potrebbe essere che viviamo in Italia, che le biblioteche sono quasi sconosciute, che lo sono anche di più all'interno delle scuole italiane.
E allora!? 
Certo che è anche vero che in Italia l'interesse e l'impegno per la cura del patrimonio culturale sono molto scarsi.
Certo che è vero che, a volte, a volte, dico valgono quasi di più le abilità personali, la volontà, l'energia, persino l'allegria. Quella bella, a volte anche solo per non soccombere.
Però è anche vero che a volte, l'intelligenza serve ad aspettare, a pazientare, ad adattarsi alle situazioni, a puntare ad obiettivi diversi se quelli "istituzionali", diciamo così, appaiono irraggiungibili. Così, nell'epoca delle LIM, della connessione ultraveloce, dei cambiamenti costituzionali e dei diritti di ognuno, succede che una biblioteca scolastica realizzi la possibilità di pubblicare online il proprio catalogo, fatto con un programma antico quasi quanto le biblioteche, addirittura un programma gratuito offerto quando il ministero della pubblica istruzione si chiamava ancora così! Ne accadono cose sotto questo cielo! Che dite?! Io, comunque sono contenta, molte ancora le cose da correggere e imparare (in tutto questo tempo ho inserito dati senza troppa convinzione, per mille motivi pareva che la passione della ricerca fosse assente tra i miei utenti e io me ne sono lasciata contagiare e ho risposto alla loro mancanza di passione trascurando alcune cose, concentrandomi su altre), molti ancora i testi che appaiono nella ricerca del catalogo completo ma non rintracciabili nella ricerca per parola o stringa. Sto procedendo inserendo i record già pronti uno a uno.

Il link è questo

visitatelo !

Si accettano suggerimenti e parole di conforto, persino di elogio!
Ah, già, dimenticavo, nessuna critica, please!

Vi regalo una foto, che questo è quanto:


bibliomatilda's pic

Ho anche aperto un nuovo blog, dedicato interamente alla biblioteca. Si trova qui

giovedì 5 novembre 2015

Alla renzi

che ha detto:

- Basta con le rivalità tra le correnti! - liquidando così la degenerazione del PD romano.

Uno come lui gli risponderebbe:

- Altro che rivalità tra correnti, qui si parla di lotte tra delinquenti! -

E' troppo?

o troppo poco?



immagine tratta da internet


 

domenica 1 novembre 2015

Poesia per i morti








L'intelligenza non avrà mai peso, mai
nel giudizio di questa pubblica opinione.
Neppure sul sangue dei lager, tu otterrai
da uno dei milioni d'anime della nostra nazione,
un giudizio netto, interamente indignato:
irreale è ogni idea, irreale ogni passione,
di questo popolo ormai dissociato
da secoli, la cui soave saggezza
gli serve a vivere, non l'ha mai liberato.
Mostrare la mia faccia, la mia magrezza -
alzare la mia sola puerile voce -
non ha più senso: la viltà avvezza
a vedere morire nel modo più atroce 
gli altri, nella più strana indifferenza.
Io muoio, ed anche questo mi nuoce.
[...]

Pier Paolo Pasolini
(Da: "La Guinea", Poesia in forma di rosa, in "Bestemmia", volume primo, Garzanti, Milano 1993)







Maria Lai
collezione del MAN di Nuoro