martedì 27 ottobre 2015

Radio 3


Sintonizzatevi su Radio 3 alle 16.30, tra pochi minuti. Si parla di Biblioteche  Scolastiche



http://conbs.blogspot.it/2015/10/fahrescuola-le-biblioteche-scolastiche.html




la fonte di luce al centro della foto ha qualcosa a che fare con l'anima! Già perché potrà essere un poco sgarrupata, la biblioteca dove lavoro dal 2011, ma all'occhio della mia macchina fotografica è apparsa per quello che è, un luogo animato, amato, vissuto, depredato, deriso, abbandonato, trascurato, frequentato, chiuso, aperto, accogliente, sorridente, caotico, deprimente, entusiasmante, stimolante, vitale, stravagante, angusto, utilizzabile e fiorente (nel senso che fiorisce, a volte, di una quantità grande di giovani e meno giovani sorrisi e sempre di scambi).

Il tempo dedicato alle Biblioteche Scolastiche su Radio 3 è stato, oggi, di circa 15 minuti.
Va bene! Comunque. Viviamo dove viviamo, non è che ci si possa aspettare più di tanto.
Una delle persone intervenute su Radio 3 si chiama Maria Teresa De Nardis, non so praticamente nulla della sua biografia, so di certo che è stata la persona che, nel tempo, dal 2002, credo, si è maggiormente occupata di tenere viva l'attenzione e il coordinamento tra le varie realtà italiane riguardanti le Biblioteche Scolastiche. Ha creato una lista di discussione, un blog, ma soprattutto ha tenuto i contatti con le poche istituzioni che hanno preso in considerazione le Biblioteche nelle scuole. Ha avuto tempo per fornire informazioni, preziose, a tutti coloro che da insegnanti sono passati a quel lavoro diverso e ideale rappresentato dalla figura del bibliotecario scolastico. 

L'altra persona intervistata è stata Donatella Lombello, docente dell'Università di Padova ed esperta di Biblioteche Scolastiche. Sua la direzione di diversi master  e corsi di perfezionamento sul docente documentalista scolastico.

Se qualcuno volesse sapere di più sulle Biblioteche Scolastiche basterà cliccare sul tag, sotto la voce relativa, nella sidebar di destra di questo blog, oppure cliccare sulla parola blog relativo a quello creato da Maria Teresa De Nardis.


13 commenti:

  1. Sono un po' curioso... tu cataloghi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. J D, è venuto il momento delle confessioni :D … Ci tento! Mi piace! Assai! Anzi, se non chiedo troppo (però forse te lo avevo già chiesto?) se non ti dispiace, potrei anche chiederti aiuto!? A volte … sì, insomma, per dire … del progetto sulle Graphic Novels non se n'era fatto nulla, sulla catalogazione … si aspettano sviluppi … amo la Dewey!!!!

      Elimina
    2. No, non lo avevi chiesto. Certo, se hai qualche dubbio e posso aiutarti, volentieri.
      Ma non sono certo un genio,solo un normale catalogatore SBN (ammesso che chi fa questo mestiere possa dirsi "normale").
      La Dewey non la uso più da parecchi anni, dove lavoro adesso (Biblioteca diocesana) non si soggetta e non si classifica. Una volta mi piaceva, ora trovo che usarla per la collocazione sia, come dire, un po' farraginoso. Tre cifre dopo il puntino sono già troppe, per intendersi...

      Elimina
    3. Ti farò sapere, allora, spero presto :-)

      Elimina
    4. … e magari ti spiegherò perché amo la Dewey, diciamo che uno dei motivi è che mi ha permesso l'ingresso nell' "idea" della classificazione … va bene, meglio rimandare …

      Elimina
  2. Si vede che è un posto bellissimo per lavorare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia!!! Troppo gentile, davvero! :-) Io avrei voluto qualcosa di diverso, sia come spazi che come attrezzature che come attenzione delle istituzioni al nostro lavoro, ma, come ben sai, la scuola e la cultura in Italia sono davvero il "fanalino di coda" (come tu dici) dell'intero sistema … seppure la sanità non sta mica messa bene :-( . Però è un lavoro che amo, che mi permette di stare in mezzo ai libri e tra i giovani in una veste meno impegnativa di quella dell' insegnante. Che bello sarebbe se si riuscisse a combinare un incontro (ci sto pensando ora) sulla traduzione e sulla lettura con te come ospite della nostra scuola!!! Che dici? Si potrebbe provare ad organizzare?

      Elimina
    2. Glab !!! :-( dimenticavo la mancanza di denaro della nostra come di tutte le scuole italiane! Pardon! Era un sogno :-)

      Elimina
  3. Bella, viva, pulsante la "tua" biblioteca! Grazie della condivisione.

    RispondiElimina
  4. Bello e importante come lavoro ... tra i più invidiati, sotto molti aspetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, grazie All, non hai idea, All, dei problemi che si porta dietro questo mio lavoro, da me molto amato … e sempre precario, sempre minacciato, sempre insidiato, forse proprio perché invidiato, non so, so solamente che sembra, per me, non esserci pace. Idealista, io …

      Elimina
  5. Per cortesia è possibile risentire la trasmissione del 27 ottobre 2015? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace, ho fatto una piccola ricerca ma non sono riuscita a trovare l'intervista su internet. Se qualcuno dovesse sapere come si fa a recuperarla sarebbe bello lo scrivesse qui. Grazie!

      Elimina