domenica 23 agosto 2015

Ecco qui


proprio qui sognavo di arrivare, in quel mare che aveva segnato la fine del viaggio di Ulisse; che è incontro tra due mari, che è porta aperta verso l'ignoto. Ho raggiunto la mia piccola meta, consapevole della mia fortuna di essere turista in un mondo di profughi. Mi son riempita gli occhi di tanta grandezza e di tanta luce e di tanto vento e di forme e di ombre e angoli e prospettive e allegria e gentilezze fatte da umani per umani e i bambini, gli adulti, le persone anziane, le donne più anziane di me ma belle, curate, attente vive e sveglie, quelle che camminavano sole nei mercati, scegliendo il cibo più buono da portare a casa quel giorno, quelle che camminavano a fianco del loro compagno, turiste anche loro o semplicemente cittadine del loro mondo.

Questa sono io, con sorriso d'ordinanza, vestita strana, diciamolo; la spiaggia alle mie spalle è la meraviglia di Tarifa, perché uno crede che il punto più a sud sia Gibilterra, macché, il punto più a sud è Tarifa e per la precisione la Isla de las Palomas. Tirava un vento più che fresco, il pesce che vedrete dopo segnava Ponente


Giornata cupa e meravigliosa. Incantata dai colori di spiaggia, cielo e vento.


Il faro sulla Isla de las Palomas,


Coraggiosi bagnanti, lì sono abituati, chiamano Tarifa, Ciudad del Viento. Dimenticavo … il mare è l'Oceano Atlantico


Simpatico baretto sulla spiaggia, i maggiori frequentatori sono i surfisti


Eccoli, non all'opera ma in preparazione


Il pesce che segna la direzione del vento e dietro le mura del castello. Qui hanno combattuto in tanti … gli arabi sono stati sconfitti durante la famosa reconquista. L'anno finale viene segnato dai documenti nel 1492.


Il colore del mare non faceva per nulla rimpiangere il nostro


6 commenti:

  1. Vestita strana no... mi sembra che la giornata lo richiedesse. Certo che il mare è una cosa strana... è vita e morte al tempo stesso. Dipende dalla fortuna che hai.
    La Reconquista... che ha generato il concetto di Limpieza de sangre, se non sbaglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempi gloriosi per alcuni, quelli della "reconquista", tristi o tremendi per altri. Epoche di guerre per affermare il proprio potere su quelle terre meravigliose. Limpieza de sangre, per fortuna, in Spagna non mi pare ce ne sia tanta. Non sarò stata attenta io, oppure sarò stata attirata solamente dai volti "particolari", di fatto, quasi sempre quei volti mi ricordavano i popoli degli altipiani del Perù, della pampa argentina, del sertao brasiliano, i tratti arabi a non finire, il Marocco e la Tunisia sono lì a due passi. Indiani anche sono molto presenti. La limpieza de sangre, per fortuna è destinata a sparire anche da noi.

      Elimina
    2. A questo riguardo pubblicherò una citazione fotografata, figurati, in una casa del te. È molto appropriata a questo discorso… leggero, come tutti i miei ;-) spero :D

      Elimina
    3. La Limpieza de sangre è storia antica, per fortuna. Come sai, era una sorta di antenata del razzismo "scientifico" che sarà abbracciato dai nazisti. Con venature cattoliche, certamente, ma di fatto ai sostenitori della Limpieza non bastava più che tu fossi "marrano" o "morisco", cioè l'abiura della religione ebraica o musulmana. Non si trattava più di religione ma di razza.

      https://es.wikipedia.org/wiki/Estatutos_de_limpieza_de_sangre

      Qualcuno, è chiaro, si arricchì in maniera oscena... Tutti si ricordano di Adolfo, ma ci si dimentica volentieri di Fernando e Isabella...

      Molto belle le foto, come sempre.

      Elimina
    4. Scusa la mia infinita ignoranza, non avevo mai sentito parlare di Limpieza de sangre… o comunque non tanto da ricordare di cosa si trattasse esattamente. Ho pensato ad un generico movimento razzista. Grazie, mi hai fatto conoscere qualcosa in più. Comunque continua ad essere valido quello che volevo dire. In Spagna è meraviglioso guardare i volti delle persone perché c'è un'infinita varietà di storie di etnie, di culture, e nell'architettura e persino nei modi di vestire. :-)

      Elimina
    5. MAI scusarsi perchè non si conosce qualcosa. L'ignoranza è un valore. che ti permette di apprendere cose, se ti interessano, e che da' a qualcun'altro l'opportunità di spiegartele, se lo vuole. Io ho imparato qualcosa dai tuoi post, soprattutto dalle foto :)

      Elimina