venerdì 3 luglio 2015

Allineamenti (voglio vivere accanto a della gente umana, molto umana)

“Ho contato i miei anni ed ho scoperto che ho meno tempo da vivere da qui in avanti di quanto non ne abbia già vissuto.
Mi sento come quel bambino che ha vinto una confezione di caramelle e le prime le ha mangiate velocemente, ma quando si è accorto che ne rimanevano poche ha iniziato ad assaporarle con calma.
Ormai non ho tempo per riunioni interminabili, dove si discute di statuti, norme, procedure e regole interne, sapendo che non si combinerà niente…
Ormai non ho tempo per sopportare persone assurde che nonostante la loro età anagrafica, non sono cresciute.
Ormai non ho tempo per trattare con la mediocrità. Non voglio esserci in riunioni dove sfilano persone gonfie di ego.
Non tollero i manipolatori e gli opportunisti. Mi danno fastidio gli invidiosi, che cercano di screditare quelli più capaci, per appropriarsi dei loro posti, talenti e risultati.
Odio, se mi capita di assistere, i difetti che genera la lotta per un incarico maestoso. Le persone non discutono di contenuti, a malapena dei titoli.
Il mio tempo è troppo scarso per discutere di titoli.
Voglio l’essenza, la mia anima ha fretta…
Senza troppe caramelle nella confezione…
Voglio vivere accanto a della gente umana, molto umana.
Che sappia sorridere dei propri errori.
Che non si gonfi di vittorie.
Che non si consideri eletta, prima ancora di esserlo.
Che non sfugga alle proprie responsabilità.
Che difenda la dignità umana e che desideri soltanto essere dalla parte della verità e l’onestà.
L’essenziale è ciò che fa sì che la vita valga la pena di essere vissuta.
Voglio circondarmi di gente che sappia arrivare al cuore delle persone…
Gente alla quale i duri colpi della vita, hanno insegnato a crescere con sottili tocchi nell’anima.
Sì… ho fretta… di vivere con intensità, che solo la maturità mi può dare.
Pretendo di non sprecare nemmeno una caramella di quelle che mi rimangono…
Sono sicuro che saranno più squisite di quelle che ho mangiato finora.
Il mio obiettivo è arrivare alla fine soddisfatto e in pace con i miei cari e con la mia coscienza. Spero che anche il tuo lo sia, perché in un modo o nell’altro ci arriverai…”
Mário de Andrade – Poeta, romanziere, saggista e musicologo 




Giove e Venere
martedi 30 giugno
bibliomatilda's pic

8 commenti:

  1. Ciao,bellissimo pezzo, mi sento molto "allineato". Sarebbe bello e logico se tutti ragionassero così. Avere la possibilità e la voglia di lasciarsi alle spalle tutto il peggio che abbiamo dovuto fare nella nostra vita. Soprattutto la voglia.
    Mi hai fatto tornare in mente una cosa buffa: nel 1973 mi arrivò una lettera del Sindaco, la prima lettera "ufficiale" indirizzata a me. Cito a memoria : "Caro bambino, presto comincerai il tuo percorso nella Scuola. Ti faccio tanti auguri ecc. ecc. ..." La letterina si concludeva con l'invito a ricordare ai genitori di regolarizzare l'iscrizione (cioè pagare le tasse, credo) e altre cose che non capivo.
    Seguivano data, timbro e firma: M. F., di professione balenottero bianco.
    Ho ritrovato la letterina nel 2010 (ce l'ho ancora) e mi ha colpito il fatto che M. F. (proprio lui!), in quel 2010 era ... ancora Sindaco. Di Forza Italia stavolta. Responsabile tra l'altro di alcuni fra i peggiori scempi urbanistico-territoriali nella storia della città. Al pari di quasi tutti i suoi colleghi, compreso quel sedicente-di-sinistra che ora ne ha preso il posto, che fa esattamente le stesse cose e che ha avuto in più il coraggio di far mettere su Wikipedia (ma lui dirà che non c'entra) il suo faccione fariseo. Anche questa è gente umana, molto umana. :-)
    L'immagine che alleghi è come sempre bellissima, l'hai scattata tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d'accordo sull'umanità di persone che non sono così come recita lo scritto di Andrade. Riconosco l'umanità nelle persone ... umane, in quelle non opportuniste, in quelle non meschine, in quelle non mediocri (in quanto amanti della mediocrità). Riconosco l'umanità in coloro che sognano, in coloro che tentano, in coloro che cercano la verità (con la consapevolezza dell'impossibilità di raggiungerne una definitiva) e l'onestà. Riconosco l'umanità in coloro che non hanno come unico obiettivo il proprio benessere o, meglio, il proprio tornaconto personale. Riconosco l'umanità in coloro che SANNO che la loro umanità proviene dall'appartenenza alla famiglia degli umani, coloro che lo ignorano sono meno umani. Coloro che si pongono sempre e solo al di sopra degli altri sono meno umani, coloro che ingannano, coloro che approfittano di persone e cose, coloro che sfruttano le capacità e persino i sentimenti degli altri, li considero meno umani.

      Sì, la foto è scattata da me, a mano ... e a mente libera ;-) contenta che ti piaccia!

      Elimina
  2. "Riconosco l'umanità in coloro che sognano, in coloro che tentano, in coloro che cercano la verità (con la consapevolezza dell'impossibilità di raggiungerne una definitiva) e l'onestà. Riconosco l'umanità in coloro che non hanno come unico obiettivo il proprio benessere o, meglio, il proprio tornaconto personale."
    Hai reso tutto in queste frasi :*

    RispondiElimina
  3. Post e foto davvero stupendi. Grazie! E' sempre un piacere venire a trovarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Maria :-) Venere e Giove li abbiamo ammirati anche ieri, in posizione diversa, ma altrettanto belli. E' sempre un piacere averti qui!

      Elimina