martedì 10 marzo 2015

A human

Pensavo alla solitudine,
a come la percezione di essa cambi col tempo.
Pensavo al desiderio,
a come la sua forza e la sua composizione cambino col tempo.
Da ragazza, quando camminavo sulle spiagge assolate e deserte delle estati della mia giovinezza, provavo un piacere dato dal calore del sole sulla pelle che da solo varrebbe una vita intera. Chiudevo gli occhi e sentivo la brezza e il sole, nient'altro, la sabbia sotto i piedi, l'acqua del mare che li accarezzava, sentivo il profumo e mi immaginavo immersa in quelle linee rosa ondulate sulla riva, fatte dai piccoli frammenti dei coralli.

Talmente lontana la morte.
L'idea, il pensiero.
Ero eterna, come il sole.




2 commenti:

  1. Bellissima foto. Qualcuno, non ricordo adesso chi, scrisse che il cambiamento è l'unica poesia. In questo post leggo poesia :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Il cambiamento! Grazie carissima, un abbraccio

      Elimina