mercoledì 25 febbraio 2015

S.O.S

«Meglio puttaniere che gay»,  diceva il simpatico italiano Berlusca.

«l'economia italiana è in ripresa, ha smesso di piovere, possiamo ammirare l'arcobaleno», dice il giovane e scalpitante MattEorEnzI.

Uno era esattamente quello che affermava di essere, da bravo italiano.

L'altro è un
alieno.


6 commenti:

  1. Sembrano assomigliarsi molto, ma alla fine è più pericoloso il secondo, che sta realizzando i sogni politici del primo con nessuna vera opposizione parlamentare: dall'abolizione dell'art.18 e delle tutele dei lavoratori, alla punibilità dei magistrati (converrebbe leggersi il programma della P2, manca la privatizzazione della Rai e poco altro... o mi sbaglio?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due mostri, di gran lunga più mostruoso il secondo, l'alieno, giovane e vecchio allo stesso tempo, Berlusca rinverdiva le peggio battute maschiliste e ringalluzziva in quel modo persino molti maschietti, nel senso di piccoli uomini, di sinistra, che in fondo, un poco ci si riconoscevano. Il giovane-decrepito usa parole che non sono sue, che dette da lui diventano barzellette più oscene di quelle che raccontava Berlusca! Ecco cosa penso!

      Elimina
  2. Non so, secondo me sono pericolosi tutti a due. E a entrambi si addice la citazione di Gaber qui in fondo alla pagina. Ridicoli e pericolosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è così, Silvia! Ma perché, noi italiani riusciamo sempre ad "affezionarci" a simili capi? O meglio, perché abbiamo necessità di capi e, in più, assurdi come questi due? Penoso poi vedere come i giovani renziani, siano uguali ai berlusconiani di mezza età di un paio di anni fa!!!!! Davvero a volte sembra di essere in un film! Una finzione che si ripete.

      Elimina
  3. Sono andata a recuperare le parole di Dario Fo in un'intervista del novembre scorso. "....Il regime come ieri, tacita il dissenso. Il Toscano (Matteo Renzi) vuole cancellare la classe operaia... Abbiamo smesso di sorridere e per questo il potere ringrazia. Siamo in un dramma osceno, adesso come 50 anni fa. Ma con meno ironia e levità. Gli uomini compromessi, bugiardi e fedeli al sistema, dominano. I poveracci annaspano". Amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se lo dice Dario Fo, che aveva anche pagato in prima persona, lui e Franca Rame, il loro dissenso, il loro spirito critico, la loro intelligenza, alla censura di quel regime democristiano/fascista, dobbiamo crederci, o no? Oggi non c'è neppure un'opposizione tanto forte come allora, a volote mi pare che ci abbiano davvero rubato tutto, altro che futuro!

      Elimina