sabato 14 febbraio 2015

San Valentino

Ieri, nuovamente, per la terza volta, la 2 A ha trascorso la sua ora e mezza nella biblioteca del nostro Liceo, la loro insegnante era quella di Italiano, mentre io sono la "bibliotecaria" che tenta di intrecciare, tessere, inventare per loro una biblioteca che non esiste nella realtà degli oggetti tangibili, perché sono convinta che la biblioteca più utile è quella che siamo capaci di costruire all'interno della nostra anima, del nostro cervello, se volete. Così, seppure della nostra biblioteca concreta, quella che ci ospita, non potremmo dire troppo bene secondo i parametri della moderna biblioteconomia, vorrei rendere partecipi i ragazzi che è il sentimento che nutriamo verso le cose, anche quelle materiali, che ci rende capaci di cogliere, nel senso proprio della parola, i frutti buoni che le cose e le esperienze ci offrono.

Ve ne racconterò ancora, cercherò di spiegare meglio il mio disegno, il mio desiderio, il regalo che vorrei offrire loro, dove l'ordine non è secondario (recuperando così il mio compito di familiarizzare loro al concetto, di ordine, e della sua relatività, in biblioteche reali o virtuali o spirituali che esse siano).

Così, ieri, per ritornare al resoconto, ho proposto loro di dedicare una parte del nostro breve tempo a disposizione, alla ricerca e alla scelta di "poesie d'amore" per celebrare così, a nostro modo, il San Valentino tanto glorificato da fiorai e commercianti di dolciumi vari. Ho fornito loro diversi testi dai quali trarre la loro poesia. Queste sono alcune delle poesie da loro scelte:



Come slowly - Eden!
Lips unused to Thee -
Bashful - sip thy Jassamines -
As the fainting Bee -

Reaching late his flower,
Round her chamber hums -
Count his nectars -
Enters - and is lost in Balms 

                                                                                       Vienimi lento - Eden!
                                                                                       le labbra che ti ignorano -
                                                                                       smarrite - succhiano i tuoi
                                                                                       gelsomini -
                                                                                       come languida l'ape -

                                                                                       tardi al suo fiore giunta
                                                                                       in ronzio alla camera
                                                                                       s'arrotonda - i suoi nettari
                                                                                       conta - entra - e nei balsami
                                                                                       è perduta.



Emily Dickinson
Poesie,
Garzanti, 2008 



Sul più illustre paesaggio 

          Sul più illustre paesaggio
Ha passeggiato il ricordo
Col vostro passo di pantera
Sul più illustre paesaggio
Il vostro passo di velluto
E il vostro sguardo di vergine violata
Il vostro passo silenzioso come il ricordo
Affacciata al parapetto
Sull'acqua corrente
I vostri occhi forti di luce.


Dino Campana,
Canti Orfici e altre poesie,
Garzanti, 2009




Livida neve,
sotto la luna,
colora di blu la tenebra 
notturna 

                                                                                         Tsuki no yuki
                                                                                              Ao-ao yami o
                                                                                         Some ni keri


Kawabata Bosha




Cento Haiku,
scelti e tradotti da Irene Iarocci,
Guanda, 2013 



 

I giorni sono più brevi
le piogge cominceranno
La mia porta, spalancata, ti ha atteso.

        Perché hai tardato tanto?

Sul mio tavolo, dei peperoni verdi, del sale, del pane.
Il vino che avevo conservato nella brocca
l'ho bevuto a metà, da solo, aspettando.
        Perché hai tardato tanto? 

Ma ecco sui rami, maturi, profondi
dei frutti carichi di miele.
Stavano per cadere senz'essere colti
       se tu avessi tardato ancora un poco. 



Nazim Hikmet,
Poesie d'amore,
Oscar Mondadori, 2002 


E infine, L'amore felice di Wislawa Szymborska, come poteva mancare? E infatti Elisabetta l'ha scelto.

Un amore felice 


Un amore felice. E' normale?
E' serio? E' utile?
Che se ne fa il mondo di due esseri
che non vedono il mondo? 

Innalzati l'uno verso l'altro senza alcun merito,
i primi qualunque tra un milione, ma convinti
che doveva andare così - in premio di che? Di nulla;
la luce giunge da nessun luogo -
perché proprio su questi, e non su altri? 
Ciò offende la giustizia? Sì.
Ciò infrange i princìpi accumulati con cura?
Butta giù la morale dal piedistallo? Sì, infrange e butta giù.

Guardate i due felici:
se almeno dissimulassero un po',
si fingessero depressi, confortando gli amici!
Sentite come ridono - è un insulto.
In che lingua parlano - comprensibile all'apparenza.
E tutte quelle loro cerimonie, smancerie,
quei bizzarri doveri reciproci che s'inventano -
sembra un complotto contro l'umanità.

E' difficile immaginare dove si finirebbe
se il loro esempio fosse imitabile.
Su cosa potrebbero contare religioni, poesie,
di che ci si ricorderebbe, a che si rinuncierebbe,
chi vorrebbe restare più nel cerchio?

Un amore felice. Ma è necessario?
Il tatto e la ragione impongono di tacerne
come d'uno scandalo nelle alte sfere della Vita.
Magnifici pargoli nascono senza il suo aiuto.
Mai e poi mai riuscirebbe a popolare la terra,
capita, in fondo, di rado.
Chi non conosce l'amore felice
dica pure che in nessun luogo esiste l'amore felice.

Con tale fede gli sarà più lieve vivere e morire.



Wislawa Szymborska,
La gioia di scrivere, tutte le poesie (1945-2009),
Adelphi, 2012

 
                                   






Henri Matisse,                                                                                   Henri Matisse,
La stanza rossa                                                                                  La conversazione,
1908-1909                                                                                          1908-1912
olio su tela, cm. 180x220                                                                   olio su tela, cm. 177x217


Ermitage, 
San Pietroburgo
immagini tratte da:
Arte moderna: 1900 - 1945, l'età delle avanguardie,
Gabriele Crepaldi,
Mondadori Electa, 2005
 

6 commenti:

  1. Un grande gesto d'amore il tuo, verso i tuoi ragazzi. La scuola e loro stessi non lo sanno, ma dalle poche esperienze avute, con dei laboratori estivi, sono assetati di Poesia nel senso più alto. E anche d'amore... Standing ovation a te :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Santa, sei bella e gentile!! :-) e sono contenta che tu ci sia :-)*

      Elimina
  2. Letture importanti per i tuoi ragazzi. Brava.

    RispondiElimina
  3. Prezioso e intenso, questo post. Complimenti per il tuo lavoro. Un saluto da una (quasi) collega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie mille. Sono molto curiosa, sai? Quasi collega? e, ho visto nel tuo blog, abitante di un'isola? ma sarà la mia? Indagherò ulteriormente, per ora, ciao! :-)

      Elimina