venerdì 13 febbraio 2015

Vigilia di San Valentino



Una delle mie cantanti preferite di quando ero bambina, e anche la canzone, dovevo trovarla fluente, scintillante, mossa e poi il sogno che si avvera, eh, che bellezza! Il dialogo era fra me e quello che amavo, forse che in solitudine si impara di più?





2 commenti:

  1. Full immersion nei ricordi... in solitudine a volte ci si diverte anche, se non altro non si perde tempo a concordare, contemperare etc etc decidi e via! :) Buon Valentino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Santa, buon Valentino a te! :-)
      Sì, la solitudine alla quale mi riferivo questa volta è quella di quando ero bambina, nonché adolescente, a dire la verità. Forse l'ho già detto, ma l'appellativo che più mi sentivo rivolgere era "selvatica". E forse, un poco lo ero o lo sono lentamente diventata e poi di nuovo trasformata e poi ancora... Insomma, in quella solitudine imparavo cose .... che voi umani... sì, insomma, imparavo anche poesie e canzoni a memoria e a memoria imparavo le espressioni facciali della gente e i loro toni di voce e l'espressione dei loro occhi. Imparavo ad osservare, insomma... :-)*

      Elimina