sabato 31 gennaio 2015

Troika sì/ Troika no

Tsipras, il grimaldello di Vladimir Putin per scardinare l’Ue. In cambio di miliardi

 

da qui

a mio parere il modo peggiore di vedere le cose.


Avessero vinto i fascisti di Alba Dorata?

Forse sarebbe stato più facile trovare un accordo!? (temo di sì)

 

 In November 1932, Robert Capa was just a darkroom boy working at Dephot (a famous photoagency that the time). His mentor had sent to him Copenhagen to cover a speech being given there by the exiled Russian revolutionary Leon Trotsky.

da qui

7 commenti:

  1. Ovviamente in politica non ci sono i grandi ideali e basta, ma anche alleanze strane. Potrebbe essere, come potrebbe essere fantapolitica, quello dell'articolo che linki. Di certo c'è che nessuno è il diavolo, il male assoluto (queste cose vengono create dai mass media, in modo da ottenere l'appoggio di masse credulone), ma solo interessi in conflitto. Se la Grecia non verrà ascoltata dall'Ue, sarà legittimo per lei avvicinarsi ad altre realtà per esistere e non morire sotto i colpi della Troika.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, l'articolo del Fatto mi sembra proprio sullo stile dell'Anti-Russia, diciamo così. Un modo per dipingere la vittoria di Tsipras ancora più fosca di quanto mai potrebbe apparire a un non-fanatico di destra. Si cita la Russia di Putin proprio come il male assoluto e associandola alla futura politica greca, togliere forza a quest'ultima, macchiarla, renderla inaffidabile ed ambigua.

      Elimina
    2. Infatti è così, condivido il tuo parere, ma non mi sorprendo, visto che non considero Il fatto un giornale di sinistra... riflette il parere di una borghesia pro-troika.

      Elimina
  2. mi hai fatto tornare in mente quello che si diceva dopo il 1918, che alla Germania sconfitta si stava facendo pagare un prezzo troppo alto; ed era vero, tristemente vero. Nel 1945 gli Usa aiutarono invece gli sconfitti, andò tutto molto meglio. Adesso gli "sconfitti" siamo noi, la Grecia, la Spagna, l'Irlanda. E' venuta su una classe dirigente di gran deficienti, mi vien da dire, e non solo in politica (e dire "deficienti" significa in questo caso essere ottimisti, i mercanti d'armi sono già tutti contentissimi dell'Ucraina e di tutto il resto) (siamo nel posto in cui c'è chi fa festa quando viene il terremoto, mai dimenticarselo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, la Russia e l'Ucraina, la guerra della quale si parla troppo poco e troppo male e gli interessi che in ogni guerra si perseguono. Ma per carità! Adesso siamo tutti presi da questa "bella vittoria renziana" e abbiamo dimenticato Tsipras e Charlie… oggi Scalfari, dalla Annunziata, ha detto una cosa vera e cioè che Renzi con questa elezione, con questa scelta del candidato Presidente della Repubblica ha fatto la prima cosa di sinistra dall'inizio del suo mandato … interessante no?

      Elimina
  3. un pensiero anche per quel povero giapponese ammazzato dal boia dell'Isi... c'erano tg e speciali tg e dirette tg tutto il giorno, nessuno ne ha parlato. Così come nessuno ha parlato dell'ennesima strage in famiglia, si vede che tutti i giornalisti erano in Campidoglio (non si può neanche dire che erano al posto delle oche, perché le oche del Campidoglio erano ben sveglie)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti giuro che faccio fatica a crederci, ogni volta! Come riescano a vedere in un uomo disarmato e libero la personificazione dei loro fantasmi, l'oggetto della loro follia. Ho pianto sentendo pronunciare la parola madre, che aveva implorato la salvezza del figlio.

      Elimina