domenica 25 gennaio 2015

Domenica

A uno sconosciuto

Sconosciuto che passi! tu non sai con che desiderio io 
         ti guardo,
Devi essere colui che io cercavo, o colei che cercavo (mi 
         arriva come un sogno),
Sicuramente ho vissuto con te in qualche luogo una vita 
         di gioia,
Tutto ritorna, fluido, affettuoso, casto, maturo, mentre 
         passiamo veloci uno vicino all'altro,
Sei cresciuto con me, con me sei stato ragazzo 
         o giovanetta,
Ho mangiato e dormito con te, il tuo corpo non è più
         solo tuo né ha lasciato il mio corpo solo mio,
Mi dai il piacere dei tuoi occhi, del tuo viso, della tua
         carne, passando, in cambio prendi la mia barba, il
         mio petto, le mie mani,
Non devo parlarti, devo pensare a te quando siedo in
         disparte o mi sveglio di notte, tutto solo,
Devo aspettare, perché t'incontrerò di nuovo, non ho
         dubbi,
Devo vedere come non perderti più.

Walt Whitman


da qui





bibliomatilda's pics

5 commenti:

  1. Grande Walt Whitman e grandi le foto, che ben si adattano ai versi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon giorno, Ally. Grazie! Con un sorriso bello e grande ;-)

      Elimina
  2. Che magnifico brano! Mi ci voleva proprio... come un buon bicchiere di vino rosso. Schietto e sincero

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. E' il faro dell'isola di San Pietro, Sardegna. Bellissimo, Carlo! Tutta la zona attorno era sublime, le foto, almeno, le mie, non rendono la grandezza e la bellezza e il mistero del posto. Ci sei mai stato? E' un posto che merita una visita, magari non in piena estate...

      Elimina