sabato 8 novembre 2014

A

e dicevi parole simili alle mie
e mi sei stato accanto
e il corpo non era differente dall'anima
e respiravo i colori che dipingevi
respirando il tuo odore
e le linee erano quelle morbide
tracciate dalle tue mani su di me.
Estati solitarie, assolate e ventose
quelle di sempre
gli inverni resi miti dai tuoi arrivi,
i rossi tramonti di novembre
e i riflessi della luce sul lago
raccontavi di come ti riportassero a me.




Nudo seduto su un divano
Amedeo Modigliani
1917



2 commenti:

  1. Com'è rosso Novembre... e i tuoi versi A. Ritrovarsi nudi e seduti ad aspettare l'ospite sacro. Sono rimasta un po' a guardare i grandi occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Santa, ciao. Che dire? Grazie! Questo dipinto è bellissimo. Anche a me incantano i suoi occhi, un saluto carissimo. Che dire? Grazie!

      Elimina