giovedì 9 ottobre 2014

Tropico del Cancro

Geografico, quello di questo emisfero, ma sì, insomma, quello dove vivo io.

Oggi è il 9 ottobre (48 anni dall'assassinio di Che Guevara), qui, ai climi temperati, dovrebbe essere autunno, invece fa un caldo... tropicale, appunto. Oggi la temperatura ha raggiunto i 30°. Sembra estate, un'estate un poco pesante, un poco vischiosa.

Stato d'animo molto simile al tempo atmosferico. Consapevolezza dell'inafferrabilità di tutto quello che più si ama. Non mi riesce di fermarmi... solo, a volte, di fronte a questo schermo. La notte mi sveglio puntualmente un quarto d'ora prima delle tre. Una delle ultime notti era popolata da una piccola schiera di fantasmi. Ho avuto paura. Ne ho sentito uno vivo dentro di me. Ho cercato di calmarlo, mi ha accontentata, almeno per quella notte.

Tra il Tropico del Cancro e Il Tropico del Capricorno, di Henry Miller, ho amato molto di più il secondo.

E per ricordare un'estate più leggera dell'attuale, ecco T. che pedala al parco delle Saline di Caglié.


7 commenti:

  1. Oggi pomeriggio mi sono persa qualche ora a leggere delle poesie. Forse non lega con i tuoi pensieri, ma voglio inviartela ugualmente per un sentire.
    Tu sei stato li' vicino
    Pure se solo adesso ti scopro
    Forse a cento passi,
    ma cento passi a sinistra
    Conti uno, due , tre, quattro,
    Siamo gia più di cento volte cento che ti sentiamo

    Tra Cuba e Sicilia mi confondo
    Non so se cercarti vicino al mare ,
    nel verde della nostra campagna
    oppure nella nostra grandiosa Piazza della Rivoluzione
    Si!!!
    Ti ho gia visto in America
    Ti ho gia visto nella storia del mio paese
    Ti ho gia visto nella guerriglia del "Che"

    Ci sei tu e c'e' pure il mare che ci legga
    Sei la sabbia che ci segna la strada,
    le onde che ci battono il cuore
    Ci sei tu e c'e' anche tua madre
    Ce la hai lasciata, nostra madre
    Ed e' qui vicina a leggerci Pasolini
    anche con la testa in alto e a sinistra

    Ancora ti aspettiamo per definire
    il centro della tua storia
    Il segreto che non hanno distrutto sui binari
    E che si e' piuttosto disperso in cento pezzi
    Tra radio, aeroporti, piazze, comizi, spiagge
    La bellezza
    A Peppino Impastato, Basulto Perdomo Ariel (L'Avana)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita, a volte, di rado, più spesso in poesia, che un nòcciolo di senso condiviso risuoni tra parole all'apparenza lontane. Capita a volte persino tra i pensieri degli umani.
      Grazie per questa bella poesia e per avere associato al mio pensiero un pensiero così forte come quello di Peppino Impastato.

      Elimina
  2. Stagione pessiam nelle mie zone... pioggia e freddo d'estate e ora, autunno, c'è un po' più caldo del solito, ma ora piove. Umidità ai massimi livelli, e a me l'autunno caldo non piace in metereologia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao All, sono convinta che si stia andando verso un periodo di "cambiamenti epocali" per dirla alla Renzi, non positivi la maggior parte di essi :-(

      Elimina
    2. All, vista l'ora in cui ho letto e scritto il commento, non avevo mica capito!!!!!!!!!!!!!
      Autunno caldo!! Già! Speriamo sia caldissimo, di lotta, di ribellione e di resistenza! Auguri!

      Elimina
  3. Mi sono svegliata con la notizia di Genova e già un morto. Riprendono le piogge e vengono a galla gli scempi, da sempre. Mi sembra più una lenta agonia la nostra. Fortunato il tuo amico mr Alligatore, dovremmo imparare da lui :) Buona giornata e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che orrore!!! Colpevolmente all'oscuro sino ad ora che leggo il tuo messaggio. Era solo tre anni fa che avevamo dovuto assistere al disastro di quelle terre bellissime e di Genova, città che ha molto a che fare con noi sardi, visto che era l'approdo naturale per chi volesse o avesse necessità di raggiungere i territori del nord Italia, quando ancora non si usava così disinvoltamente l'aereo come ora. Anche oggi qui da noi è caldo, afoso. Il cielo non è limpido, anzi gonfio, pare, e l'orizzonte lontano, là dove si trova il mare, è cupo. Buona giornata anche a te!

      Elimina