martedì 16 settembre 2014

Capo Frasca, Sardegna




Il video è opera di Maura Manconi. Mostra una serie di interviste fatte durante la manifestazione del 13 settembre scorso a Capo Frasca. Entusiasmo e voglia di cambiare... almeno rispetto alle tematiche riguardanti le servitù militari dell'isola. Speriamo davvero, anche, verso il rispetto del territorio, della terra e del suo utilizzo. Per farsi un idea di quale sia la situazione, provata, attorno ai poligoni militari questo è uno dei link ai quali fare riferimento, e questo è invece come viene trattato il problema sul sito della Regione Sardegna.

La manifestazione del 13 è stata davvero bella e partecipata, persino il TG3 regionale ha parlato di "grande manifestazione".
Il video qui postato si apre con una cantata su testi di Alberto Masala.

Di seguito il testo in sardo e la sua traduzione:


A la torramus a iscrier sa limba sarda?
La torramus a iscrier sa limba sarda chin maigàntas peraulas noàles? Barriadu nos amus chentu males chi sìccana sa zente che piralda.
Su chi fit muntonalzu o’est nucleare e-i s’alga cheret battijada iscòria, cun sas bases nos an’ fattu s’istoria de custa terra e finas de su mare.
S'innanti su perigulu fit runza
como est tumore, com’est leucemía, falat s’irrustragliada a chie si sìat... Bessida nos el vona cust’incunza!

Non chilchedas a chie ch’ettare gulpa: cust’est su jogu, chi siat feu o bellu. Semus da-e sempre che pett’e masellu ma non b’at pius ite nd‘ogare pulpa.
E crétas sa Sardigna iscalmentada?
Macché! “Sos males nos los mandat Deus...” Mancari chi l’iscudan’ mal’e peus
parat sa barra pro s’istuturrada.

Sardigna pesa, ischída Sardigna, move como, e pònebi s’afficcu lassa sa cotilèsa a su burriccu
e mústra chi ses zente balu digna.

Pesa... Sardigna... Ischída... Sardigna...


Vogliamo riscriverla la lingua sarda/ con tante parole nuove?/ Ci siamo messi in spalla cento mali/ che disseccano la gente come si seccano i pomodori o la frutta.
Ciò che era immondezzaio oggi è nucleare/ e la spazzatura bisogna ribattezzarla scoria, / con le basi hanno scritto la storia/ di questa terra e perfino del mare.

Se prima il pericolo era rogna/ oggi è tumore, oggi è leucemia,/ la falce può scendere su chiunque .../ Abbiamo fatto proprio un bel raccolto!
Non cercate su chi gettare colpe:/ è questo il gioco, sia brutto o bello./ Siamo da sempre carne da macello/ ma non c’è più polpa da cavare.

E crederesti che la Sardegna sia scottata?/ Macché! “I mali ce li manda Dio...”/ Anche se la bastoni malamente/ offre la guancia per il ceffone.
Sardegna sollevati, svegliati Sardegna,/ muoviti subito, e usa il cervello/ lascia l’ottusità all’asinello/ e mostra che sei un popolo che ha ancora dignità.

Sollevati... Sardegna... Svegliati... Sardegna...


Alberto Masala, 6/7/09 

e questa è un'altra mia foto della giornata:









Nessun commento:

Posta un commento