sabato 23 agosto 2014

Cronache di un'estate

L'estate è un tempo di apprendimento più decisivo dell'inverno.
Io durante l'estate imparo
Imparo anche durante l'inverno
durante l'estate, però, c'è una dimensione fantastica e un tempo infantile che ci ri-anima, ovvero apporta energie nuove e fresche, solari e assolate alle anime aperte e accoglienti.

Già, questo credo!
Nulla e tutto!
Il modo in cui viviamo il sorgere del sole, l'arrivo delle stagioni diverse, i crepuscoli lunghi dell'autunno e quelli immediati dell'inverno il bianco baluginante delle foglie dei pioppi, il mutare della luce in ogni alba della nostra vita, l'amore che sentiamo nei confronti delle persone che incontriamo e abbiamo incontrato, di quelle che hanno tessuto con particolari colori il disegno del nostro esistere, il rosso per tutto l'amore dato e ricevuto


opera di 
Maria Lai
fotografata a Palazzo di Città
Cagliari

la gratitudine, la lealtà, l'affetto, la compassione, l'empatia e la generosità.

Questa, come quella dell'anno scorso, come quella dell'anno precedente e quella di quattro anni fa, non c'è estate che non porti con sé un ricordo particolare da conservare e un evento dal quale siamo usciti fuori diversi. Nonostante l'età che avanza , nonostante la vecchiaia, a volte cattiva, dei nostri cari.

Le mie cronache di questa estate volevano essere un ricordo piccolo del mio tempo in questi tre mesi magici, durante i quali ho viaggiato per la mia terra magica anch'essa, bella come nessuna, bella come può essere bella solamente qualcuna o qualcosa che si ama, bella come qualsiasi persona che non dimentichi o non disimpari mai a sorridere. A chi è amico. Bella come qualsiasi persona che non disimpari mai a sorridere a viso aperto a chi è stato generoso, a chi è stato innamorato, a chi non ha fatto male, a chi è stato leale e sincero, a chi non conosce il rancore e la vendetta. Questi sono i fili che nel tessuto della nostra vita in estate rilucono. Dentro e fuori. Con il sole o con la luna, con le stelle o sotto coltri di nubi grigio-azzurre.


Chiesa di San Saturnino
Comune di Benetutti
Sardegna





Piscina grande delle
Terme Aurora
Comune di Benetutti
Sardegna


Mi ha detto un anziano signore di Cagliari ( Caglié ), ospite dello stabilimento termale, come me,

- Lei, mi scusi se mi permetto, lei mi appare giovanissima, lei mi appare viva viva, ecco, volevo farle i miei complimenti. -

- Grazie infinite -
...
- Grazie -

 e nell'andare via: 

- Bonu caminu - mi ha augurato. 

Bonu caminu ...

2 commenti:

  1. Che impressione quel libro, come le nuvole nel cielo... buona estate (quella che resta).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao All, così sono le opere di Maria Lai, donna artista, vissuta a lungo in questo mondo che anche noi abitiamo, ma con lo sguardo rivolto a mondi, forse infiniti, che non a tutti è dato il privilegio di conoscere... e soprattutto la capacità di raccontarceli...
      Buon proseguimento anche a te.

      Elimina