giovedì 24 luglio 2014

Renzi

ha accolto insieme alla moglie (?) e alla ministra degli esteri, Mogherini, (la muta, qualcuno l'ha già chiamata) Meriam Ibrahim Ishag, la giovane donna sudanese condannata a morte nel suo paese per apostasia.  Il tg 3 delle 14.20 ha aperto con questa notiziona! Renzi, Mogherini, e moglie del premier schierati con sorrisi. La giovane donna partirà al più presto per gli Stati Uniti, nella cui ambasciata pare avesse trovato asilo. L'Italia, viene da pensare, ci entrava a dire poco, nulla, giusto uno scalo, giusto il viceministro da guida per le poche ore in Italy.




All'ONU, l'Italia si è astenuta sulla votazione per l'istituzione di una commissione d'inchiesta volta a stabilire l'esistenza di crimini contro l'umanità compiuti da Israele nella striscia di Gaza.

Non è che il giovane premier rottamatore tende a strumentalizzare??!!!




Due mondi diversi.
Dal primo, attraverso una vicenda individuale si prende tutto ciò che si può, per sé, per la propria immagine.
Dal secondo tutto quello che sanno fare è prendere le distanze.

6 commenti:

  1. il rischio però è che non si parli di cosa sta succedendo in Iraq, a Mosul... è la notizia più spaventosa di tutte, ma non se ne parla proprio. Il vero problema, anche per Gaza, direi proprio che è al-Bagdadi. Insomma, stiamo ancora pagando la presidenza Bush, e la stiamo pagando cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dell'Iraq non si parla perché è una sconfitta pesante per le politiche di guerra degli Stati Uniti e degli Stati europei che avevano sostenuto gli americani. Tutta la politica di questi anni è sconfitta, tutta la politica dell'occidente, in primissimo luogo, economica, sociale, estera... continuano però, sempre allo stesso modo e quando, come appunto in Iraq si vede che l' "intervento umanitario" non è servito a nulla, allora si smette di parlarne, che possano morire ed essere distrutti in silenzio, popolazioni e testimonianze di cultura (come la biblioteca di Mosul, appunto). Probabilmente gli interessi economici sono salvi! Altro che Bush, Giuliano, mi pare che non ce ne siano stati di molto migliori... :-(

      Elimina
  2. non è solo la moschea di Mosul: hai letto il programma di al Bagdadi riguardo alle donne? è un incubo... a me fanno impressione anche i commenti sui migranti nel Mediterraneo (abito in zona leghista), nessuno ha capito che la guerra è già cominciata e che fin qui a noi sta andando benone, ci toccano solo i migranti. E' dura da dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, i migranti... ma peggio delle cavallette... Renzi!

      Elimina
    2. No, davvero, ... non so, aiutami, certamente in letteratura ci dev'essere, non mi viene in mente dove, una di quelle situazioni nelle quali il "male", o quello considerato tale, si combatte con metodi sempre più feroci e spietati, ma quello rinasce sempre più forte e agguerrito di prima...ecco.. sinora siamo salvi...

      Elimina
  3. L'apprendista stregone, di Goethe - e ormai anche di Dukas, e di Topolino
    :-)
    pare che la "sparata" di al Bagdadi non sia vera, comunque solo il fatto che qualcuno possa anche solo pensarlo fa già spavento...
    Renzi sta facendo al PD quello che Craxi fece al PSI, un partito con una grande storia svuotato dal di dentro; la differenza è che Renzi lo votano, Craxi rimaneva inchiodato al dieci per cento. Per il resto... (chi dice che Renzi è di sinistra è un analfabeta di politica, se io fossi un docente di Scienze Politiche boccerei subito tutti quelli che lo dicono)

    RispondiElimina