domenica 13 luglio 2014

Quel che è


“Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.”


Charles Bukowski
Il capitano è fuori a pranzo
Tradotto da Andrea Buzzi
Feltrinelli - I Canguri, 2000



6 commenti:

  1. mmm... tenendo conto che è allo specchio tu sei quella di de-no di sin- va beh, lo so quale sei delle due :-)
    troppo complicato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono quella che sorride, chiaro! ;-)

      Elimina
  2. Citazione encomiabile!!! Semplicemente "perfetta" specie riferita a questa nostra povera attualità'. Quanto alla foto (anzi anche senza la foto a dire il vero) tu sei certamente "quella che sorride".... A prescindere!! ... sempre saputo... Poi quando metti dei post come quello sulla "gratitudine" come si fa a non "vederti" anzi a non sentirti come una persona solare che emana positivitá ? Un grande saluto. Come sta andando il tuo Luglio? Nuove e bellissime foto di coste, di mare, di cieli insoliti? ...di nuovo camminare sulle orme della meraviglia? E di nuovo... fortissimo, il profumo di quel Dio ineguagliato che dipinse la Sardegna? Ci conto eh! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.”
      Forte, eh? Come sempre Bukowski! Nella sua crudezza ci racconta storie di un'umanità che, nonostante tutto, può essere salvata. Ciao, Carlo. Un luglio bello e "caldo" e colorato anche a te :-)*

      Elimina
  3. Mi ricordo quel libro, mi pare con la copertina rossa, e lui nella vasca, disegnato da Crumb (o forse mi sbaglio). Uscito postumo, ma sempre lui, forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' lui, accidenti, All, hai memoria!!!!!!!!!!

      Elimina