venerdì 13 giugno 2014

Per la prima volta



non pensiate stia invecchiando, il mio cervello è puro come quello di un bambino,
non pensiate mi stia intristendo, la tristezza fa parte della nostra vita, come la rara felicità,
non  pensiate il mio cuore stia inaridendo, proprio oggi ho scoperto che lascio uno spazio enorme per ogni persona che amo, per quelle che ammiro, per quelle che vorrei più presenti nella mia vita...
È che lo sento, sento questo freddo, questo freddo di cui parla Vasco Pratolini nel suo romanzo Cronache di poveri amanti, lo sento persino nei cuori delle persone che amo, in quelli delle persone che ammiro, in quelli di coloro che vorrei dessero realtà e non che la togliessero.

Per il resto si sente nell'aria il profumo di tiglio e tomentosa, di pitosforo e araucaria che è dell'estate.






6 commenti:

  1. Bibliomatilda, ti dico solo una cosa: Resistere...

    RispondiElimina
  2. per fortuna esistono le immagini...per fortuna esistono le TUE immagini
    per fortuna esistono i profumi, per fortuna esistono i sogni e l'immaginazione,
    la poesia e la gratitudine.
    La gratitudne immensa verso la formica che semplicemente con la sua presenza ci allieta e ci fa comprendere il bello dello stare al mondo.

    Sono queste le nostre armi
    Le nostre fortificazioni per non sentire quel Freddo .
    Questi i sentieri su cui camminare per non invecchiare e mantenere la mente pura.

    Ogni giorno è nuovo. Ogni giorno è il primo
    Nonostante certe stanchezze, nonostante certe sere atroci...

    Per fortuna c'è il Mare
    Per fortuna c'è l' Estate

    Per fortuna c'è il Tiglio che ogni anno mi viene a trovare ubriacandomi
    Cammino sotto il viale alberato che conduce alla Piazza del Popolo
    la piazza più bella della mia città e mi pare di galleggiare nell'aria dentro una nuvola di ricordi
    Una ebbrezza nuova che ogni anno mi accompagna per le strade

    Presto sarà di nuovo la Fiera di S.Giovanni
    quella che mi elettrizzava da bambino.
    Presto sarà l'abbraccio dell'Estate.

    Tremola sempre un poco in questo periodo
    il cuore di chi ha a cuore
    il futuro del mondo.

    Zampilla di nuovo l'inesausta meraviglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo, che fortuna riaverti qui!

      Tremola sempre un poco in questo periodo
      il cuore di chi ha a cuore
      il futuro del mondo.

      E' come tu dici.
      E' l'estate.
      La meraviglia. Grazie

      Elimina
  3. Rimaniamo consapevoli del dolore e attenti al freddo che suscita, ma godiamo di quel poco di bello e candido che la vita ci concede: il profumo dell'estate ci consoli un po'.
    Un abbraccio, mia cara amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... la consapevolezza! La nostra vena più viva, più piena, più attenta :-)

      Elimina