mercoledì 12 febbraio 2014

Io sono curiosa, invece

di vedere come il  GIOVANE Renzi governerà l'Italia.

Abbiamo avuto in questi, pochi, ultimi vent'anni, premier e politici talmente simpatici e semplici! Avremmo potuto scambiarli per i nostri vicini di casa, per nostri colleghi di lavoro, per personaggi incontrati sugli autobus, al mercato o al cinema. Prepotenti, egocentrici, fanciulli nell'animo, profondamente narcisisti.  Bambini viziati. Contenti di sé. Pronti alla battuta, il vecchio nostro premier, prevalentemente a sfondo maniaco sessuale e sessista, il nuovo no, il nuovo combatte, con fior di metafore, solamente "il vecchio" inteso da lui come: vecchi (nel senso dell'età) politici, vecchia politica fatta da quei vecchi politici (tanto è vero che ha concordato con il vecchio premier, quello delle battute maniacali, una nuova "riforma" elettorale uguale a quella vecchia, dichiarata incostituzionale e fatta dal vecchio premier, appunto), vecchio linguaggio,  vecchi abiti, vecchio incedere (avete notato la camminata di Matteo? nemmeno John Travolta in Saturday Night Fever)  vecchi mezzi di locomozione, e infatti si fa vedere in giro a piedi, con il suo trolley, all'uscita dalle stazioni, o in giro per Firenze (anche per Roma?) in bici. Beh, certo il nuovo c'è, insieme alla gioventù! Beato lui!

Tanto per inaugurare un nuovo, che però, poi, è vecchio, a ben guardare, modo di fare politica, prima dice no, io non vado a sostituire Letta, poi dice, - chi me lo fa fare? - domani, forse, quando farà votare per la sfiducia all'attuale premier, suo "compagno" di partito (di quello vecchio), dirà che è il paese che glielo ha chiesto, che in fondo si sacrifica, che lui intendeva stravincere alle elezioni libere del popolo sovrano (quello italiano?) contro quel vecchio premier con cui ha avuto sintonia profonda sulla stessa legge elettorale, quella vecchia, cambia solo il nome, infatti, da Porcellum a Italicum, che, credo, siano sinonimi, nel nuovo linguaggio politico.

Complicato, eh?




8 commenti:

  1. comunque sia, l'Italia è quasi tutta a destra o qualunquista. Non è che ci sia molto da sperare...
    (mezza Italia sta franando, e il Parlamento discute dell'impeachment di un novantenne o dell'abolizione del Senato, eccetera - mah)
    (e nessuno che si alzi su a dire: ma state zitti, voi, un partito fondato da tre avanzi di galera)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo sull'Italia di destra. Purtroppo non spero su Renzi, non spero proprio, non sembra per nulla l'uomo adatto a condurre un tipo di politica differente da quella perseguita sinora... e se non si cambia TUTTO, TUTTO peggiorerà. Hai visto i disastri causati dal maltempo? Colline intere che franano con il loro carico di palazzi e case e strade. Per dirne una, forse, le grandi opere, come le chiamano, contribuiscono alla distruzione dell'ambiente, se smettessero di impiegare i lavoratori nell'edilizia ma ideassero un piano di lavoro permanente di manutenzione dell'esistente non sarebbe denaro risparmiato? Se si imparasse a progettare qualsiasi intervento sul territorio con una prospettiva di lungo termine non si apporterebbe un beneficio oltre che alle persone presenti e future anche a tutta l'economia con la riduzione di nterventi a posteriori e riparatori? Tutto, tutto quest'ultimo periodo, anche tra gli appartenenti al PD, giovani o vecchi, non si è fatto altro che costruire un ingorgo assurdo di parole, di teorie, di rinnovamento di facciata. Il paese, a me sembra sta andando da sé, resistendo come può agli unici interventi perpetrati dalla politica, che sono sempre di attacco, non di supporto. Questo io vedo.

      Elimina
    2. Renzi è di destra, gli elettori del PD sono (erano) in gran parte di sinistra... che gran casino, un paese senza più morale né punti di riferimento.
      Ieri ho acceso la tv per un attimo, c'era uno della Lega in Parlamento che stava parlando, ha detto: "...Vicenza, una delle provincie più industrializzate" - sì, ma è anche una delle più allagate e franate e guarda che lì comandi tu, mona di un mona.

      Elimina
    3. .. ti dirò... sono anche curiosa di vedere quanto il rottamatore riuscirà ad invecchiare tra i banchi del parlamento, una volta riuscito ad entrare... bleah!!! Scusa, per dirla con i fumetti :-(

      Elimina
  2. Giovinezza, giovinezza, giovine zz à!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...primavera di bellezza... :-(

      Elimina
    2. ...segno che la giovinezza non è garanzia di nulla!!!! (cioè, riguardo a politica e saggezza)

      Elimina
    3. ...e neanche riguardo a bellezza, se è per questo!!!

      Elimina