mercoledì 2 ottobre 2013

Io non ci credo




Non credo che Alfano abbia, di testa sua, espresso quel "garbato" ma "determinato" dissenso alla, sino a ieri notte, irrevocabile intenzione di non votare la fiducia al Governo.
Non credo neppure al dissenso "rappresentato" ieri da Sallusti e Cicchitto a uso e consumo della platea televisiva di Ballarò.
Credo all'esistenza di una grande messinscena, al pari di quelle alle quali da vent'anni ci hanno abituato, per dare risalto alla figura di Berlusca, del loro capo capace di assumere il ruolo di politico responsabile e non interessato solamente alla propria storia personale.
Credo che alla fine tutto questo porterà alla salvezza di Berlusconi anche se non attraverso elezioni, come forse lui avrebbe sognato nel più profondo. Le elezioni verranno dopo, dopo che riusciranno attraverso negoziazioni continue, a non far decadere Berlusca da Senatore.
Il prezzo perché lui rimanga lì dov'è è la salvezza di questo governo nato male e che, forse, finirà pure peggio. Vi ricordate quante volte è stata data per conclusa la vicenda politica di Berlusconi? Nel passato deve essere stata una marea di denaro, a salvarlo, ora la stabilità dell'Italia. Per ora, dunque, è sempre intorno a lui, ad un uomo, il solito, evasore fiscale, ecc. ecc. che gira la storia degli italiani.
La serietà, il senso di responsabilità, l'etica personale e politica assente dalle menti dei più.



2 commenti:

  1. un'altra possibilità: il boss ha compiuto 77 anni e mentalmente non sta bene, è ora di guardarsi in giro e cercare qualcosa d'altro a cui aggrapparsi. Secondo me, sono già in molti quelli che lo hanno visto sbiellare, in privato, finora al nascosto delle telecamere e in gran segreto. Ti ricordi la lettera della Veronica a Repubblica, quando si raccomandava a quelli che gli stanno vicino?
    in ogni caso, niente che faccia pensare a qualcosa di buono per noi...
    comunque, sì, Alfano che "si smarca" fa davvero ridere...qui sta rinascendo la Dc, è da un bel po' che in Vaticano si danno da fare per ricostruirla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per pietà o per salvezza di un intero sistema politico (sono più propensa alla seconda ipotesi) comunque, io credo, gli risparmieranno il percorso che un normale cittadino avrebbe dovuto fare. Preferiscono mettere in dubbio lo Stato di Diritto, piuttosto che riconoscere delle colpe umane... e politiche, fiduciosi che intanto gli italiani non capiranno la complessità della distinzione... Alfano.. ma quando mai!!!!

      Elimina