mercoledì 23 ottobre 2013

Giovinezza (Youth)



La conosco solo io?

La libreria dove compro questi magnifici biglietti si trova a Roma in Corso Vittorio Emanuele, non ne ricordo il nome, vende libri antichi e usati, offre un riservato e gentile servizio di ristoro e si trova a pochi metri da un ponte sul Tevere, dimenticato il nome, vedete un po' voi, su di una cartina, io ci sono arrivata, l'ultima volta, a naso, ricordavo la vicinanza a Piazza Navona e il fiume e questi bellissimi biglietti di auguri o di quello che si vuole, in bene, del nostro tempo, libero o d'esperienza, impegnato o gentile.

I biglietti fanno parte di una collezione il colore dei pensieri, il disegno è di Claudio Corrivetti, le frasi scelte sono davvero belle.

Questa l'ho fotografata per voi... non potendone regalare una a tutti in forma cartacea.
Se passate per Roma, visitate la libreria, a destra della via, verso il ponte e pensatemi quando siete là.

Questo è il terzo dei biglietti pubblicati sul mio blog, uno era sulla POESIA, di quanto sia semplice scriverla ma difficile viverla, l'altro era su di una gabbia ed un uccello racchiuso in essa e diceva di quanto fosse meglio essere matto con le idee proprie che saggio con quelle altrui, uno era Bukowski, l'altro il Signor Nietzsche, forse ce ne saranno altri... ho speso un poco...

ma quanto è vera questa affermazione!

Io sono quasi arrivata alla giovinezza...
voi?


8 commenti:

  1. ristoro per quel guazzabuglio del cuore umano...
    animo delicato!

    RispondiElimina
  2. Invito alla lettura? Se è quella, si tratta di una libreria piena di cose e di libri di ogni tipo, davvero carina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, Linda! Ero certa che la conoscessi! Raccolta di libri e di oggetti che stimolano la fantasia :-)

      Elimina
  3. "Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita, vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare."

    Bruno Munari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto un abbraccione... e già ;-) Alcuni ricordano con nostalgia la giovinezza anagrafica... avevo più tempo, questo sì... per il resto mi conosco e conosco molto più ora di allora e in fin dei conti... mi amo molto molto di più... importante è non smettere mai quel processo di trasformazione che non può essere soltanto fisico.. così se il corpo non conserva la bellezza della giovinezza la mente rifulge, in alcuni, di splendido Amour!!!! ;-)))

      Elimina
  4. com'è vero e come mi ritrovo nelle tue parole!
    L'essenza della giovinezza è essere attenti a tutto, desiderosi di conoscere e approfondire, è restare aperti all'intorno, è prendersi cura d'ogni cosa con la quale veniamo in contatto, è avere sete e fame di mondo e di umanità, perchè oscuramente si intuisce che è un cibo, l'umanità. L'unico in grado di trasformarci e renderci migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nutrimento, già, le mani che si incontrano, gli occhi che si scrutano, si compredono e si ritrovano... quanto non mi sono affini gli occhi sfuggenti, gli sguardi obliqui, l'incapacità di ascolto che è la vera irrimediabile sordità. Di umanità ci si nutre... un abbraccio di tempo, di parole e di comprensione!

      Elimina