lunedì 23 settembre 2013

Grandi navi

http://frontierenews.it/2013/09/venezia-si-ribella-alle-grandi-navi/


Io, le grandi navi,


io le abolirei


nascono dalla malaugurata idea che si può avere - tutto sempre dappertutto -... forse ci stanno anche i campi da golf? se non in queste, certamente in quelle di ultima generazione penseranno ad inserirli.
Ma che bisogno c'è di andare sul mare se uno vuole frequentare un "centro benessere" o una palestra? o un ristorante? o dormire per poche notti in un letto non suo? o "conoscere" "gente"?
Biblioteche ce ne saranno? magari sì! Forse no!

Venezia è fragile, come si dice nell'articolo proposto dal link di frontierenews

Venezia è anche questa, non solo piazza San Marco o il ponte di Rialto


e questa



Tutte le foto sono mie e anche le riflessioni...




12 commenti:

  1. Personalmente, trovo orribili questi mostri galleggianti.
    Sono solo l'ennesima dimostrazione dell'incontrollabile desiderio umano di ostentare benessere e dominio sugli elementi.

    RispondiElimina
  2. Fosse per me potrebbero smettere di costruire sia le grandi navi sia gli aerei. Se lo vengono a sapere economisti e politicozzi mi fucilano: a pensarla così si deprimono krescita&sviluppo (dello schiavismo e dell'inquinamento...) :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riempiono almeno una parete, perché ci mettono pure me! certamente per quanto riguarda le grandi navi! :-)*

      Elimina
    2. o i campi da golf tra le rocce granitiche e la macchia mediterranea della Sardinia ;-)

      Elimina
  3. Vedere quei mostri in laguna fa veramente una brutta impressione, tipo i film di Godzilla. Purtroppo, non sono film, ma stupida realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diceva Oscar Wilde che non esiste peccato più grande della stupidità. Sono più che d'accordo, con lui e con te!

      Elimina
  4. se una cosa è tecnicamente possibile, non è detto che vada anche fatta. E poi: una nave così ha un comandante, un macchinista, due camerieri, eccetera; se ne facessero tre più piccole servirebbero tre comandanti, tre macchinisti, sei camerieri...orrore, assumere personale!!! Il personale è un costo, una volta stabilito questo precetto diventa normale pagare un miliardo di euro solo per rimettere in sesto la Costa Concordia...
    Lode agli ingegneri, in questo campo e anche in tanti altri, ma qualche testa che ancora funziona c'è ancora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teste pensati tra la classe dirigente italiana, dici?
      Viene da ridere!

      Elimina
  5. la crisi finirà veramente quando sentiremo le parole "il personale è una risorsa" pronunciate da qualche altissimo dirigente...
    (mah!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà mai quel momento?
      Nel piccolo, forse, si riesce a trovare ancora qualche persona intelligente, nelle nostre vite, nel nostro lavoro se siamo davvero davvero davvero fortunati. Tutto sta, almeno nella vita privata (comprendendo in essa anche il lavoro che si svolge quotidianamente), nel cercare di essere sempre, noi stessi, all'altezza dei nostri compiti, saperli. viverli con passione e convinzione, con fiducia e forza... mica facile, però, la consapevolezza, forse la coscienza, come quella di cui parla Papa Francesco, è un passo fondamentale per migliorare il mondo attorno a noi e piano piano, forse una qualche eco ci dovrà pur essere!?

      Elimina
  6. concludo: più facile dare tutta la colpa a Schettino (ha anche il physique du role, forse li assumono per queste evenienze?). Anche in ferrovia, la colpa è sempre del conduttore, DEVE essere colpa sua

    RispondiElimina