domenica 26 maggio 2013

Mare mare mare


voglio annegare....
portami lontano a naufragare
via via via da queste sponde
portami lontano sulle onde
Franco Battiato



è zona strappiena di prove di costruzione... di segni umani inconclusi,
di detriti e frammenti di storie...
ma il colore del mare...





onda su onda
il mare mi ha portato qui
alla deriva 
in balia di una sorte bizzarra e cattiva
Paolo Conte



le foto sono solo e tutte mie
di Paolo Conte la seconda canzone

Che notte buia che c'è... povero me, povero me...
che acqua gelida qua, nessuno più mi salverà...
son caduto dalla nave son caduto
mentre a bordo c'era il ballo...

Onda su onda
il mare mi porterà
alla deriva,
in balia di una sorte bizzarra e cattiva...
onda su onda,
mi sto allontanando ormai...
la nave è una lucciola persa nel blu...
mai più mi salverò...

Sara, ti sei accorta?
Stai già danzando insieme a lui...
con gli occhi chiusi ti stringi a lui...
Sara... ma non importa...

Stupenda l'isola è... il clima è dolce intorno a me,
ci sono palme e bambù... è un luogo pieno di virtù...
steso al sole ad asciugarmi il corpo e il viso
guardo in faccia il paradiso...

Onda su onda
il mar mi ha portato qui:
ritmi, canzoni,
donne di sogno, banane, lamponi...
onda su onda,
mi sono ambientato ormai...
il naufragio mi ha dato la felicità che tu
non mi sai dar...

Sara, ti sei accorta?
Tu stai danzando insieme a lui...
con gli occhi chiusi ti stringi a lui...
Sara... ma non importa...

Onda su onda...


12 commenti:

  1. Belle le foto, sembra di sentire il rumore del mare ... dico sul serio, foto magiche le tue, da tuffarsi dentro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro e bello All, non so dirti perché...ma mi sembra tu mi prenda un poco in giro... bacetti

      Elimina
    2. Penso che ti sbagli, adoro il rumore del mare, da uomo di montagna ... e pure Paolo Conte (tra i miei cantautori preferiti, anzi, tra quelli della sua generazione, il mio preferito).

      Elimina
  2. Piacere per gli occhi e piacere per l'anima.
    Il mare il simbolo finito dell'infinito...
    Basta accostarsi con gentilezza alle sue rive e inizia un dialogo
    Lui è in grado di riempirci e di placare ogni ansia... A che servono i nostri piccoli pensieri inquieti di fronte
    all'immensa domanda che ci viene a porgere?

    RispondiElimina
  3. complimenti per le foto... ti invidio perfino (affettuosamente) i luoghi così selvaggi e quasi eremitici
    Dillo che anche tu hai un'anima un poco mistica :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, sai? Tutto quello che dici del mare, dell'affievolirsi dell'ansia, anche, di fronte ad esso. Tutto passa in secondo piano. E' strano, ma è così, ci si ritrova soli, ma in compagnia. C'è dentro di me un infinito che somiglia molto a quell'infinito di cui parli, forse dentro chiunque, solo che si deve diventarne coscienti e non è sempre facilissimo.
      Quasi mistica :)

      Elimina
  4. Non sopporto Conte ma in compenso adoro il mare.
    Lo adorerei anche se non fosse salato e penso che andrei d'accordo anche col Mar Morto... il che, mi concederai, sarebbe un tantino macabro.
    O comunque, sarebbe difficilmente balneare.
    O potabilmente tale.
    Mah, chiederò consiglio o ad Eliot o al suo Phlebas, il marinaio fenicio.
    Intanto, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo!!!!! :-)
      Come fai a dire che adoreresti il mare anche se non fosse salato, il sale, credo, insieme al movimento è l'anima del mare, quelle forze che non sono immediatamente visibili agli occhi (beh...a parte le tempeste).
      Vado a ripassare Eliot :-)

      Elimina
  5. Sono magiche queste foto... e come per la magia sento attrazione e repulsione, fascino e paura! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Linda! Ti dirò che il giorno in cui le ho scattate la furia del mare faceva davvero paura e un poco di più faceva paura il luogo. Alla mia sinistra, dal punto nel quale ho sostato sulla scogliera, si trova un piccolo cimitero, lì sulla scogliera scura di questo tratto di costa. Poi, siccome domenica tirava un vento teso e fresco e il cielo si era appena, improvvisamente, liberato dalla coltre di nubi grigie che lo avvolgeva, il luogo era quasi deserto. Un pò di paura l'ho provata anch'io... il sublime, direbbe qualcuno... Pieno Romanticismo! Mah! :)

      Elimina
    2. ...infatti, Paolo Conte, mi è servito per sdrammatizzare un poco il mio sentimento di quei momenti...

      Elimina