lunedì 1 aprile 2013

Viaggio con mia madre, sotto la pioggia, in una mattina di Pasquetta...



Gli immancabili fiori, perché, anche se piove, la primavera è iniziata.


Alcuni cuori vivono di una primavera perenne, quanto una vita umana, (altri si illudono di sapere e saper riconoscere le stagioni ma non è sempre vero).

Abbiamo incontrato il paese sul fiume



Ma è soprattutto questo il paesaggio che mi ha rivitalizzato, entusiasmato, dato felicità


Se vi capita è un'esperienza unica con il sole e con il vento, con la pioggia, come oggi, o sotto la canicola estiva è un posto bellissimo (strada Alghero-Bosa, questo che vedete è il paesaggio verso Alghero). Ma non aspettatevi solo mare, perché l'altro lato della strada è delimitato da imponenti formazioni di roccia, che non so quale sia, (basterebbe andare a vedere su qualche guida della Sardegna...) bellissima, lavorata e cesellata dal vento e dall'acqua, fatta di grotte grandi, piccole, facce, occhi, mani, nidi, corvi, gabbiani, grifoni, su queste pareti un poco di tempo fa, ora non so più, si trovavano anche colonie di grifoni veri, un paradiso, si è rivitalizzata anche mia madre, sorrideva...


mentre io cantavo:



El pueblo unido jamás será vencido,
el pueblo unido jamás será vencido...



De pie, cantar
que vamos a triunfar.
Avanzan ya
banderas de unidad.
Y tú vendrás
marchando junto a mí
y así verás
tu canto y tu bandera florecer,
la luz
de un rojo amanecer
anuncia ya
la vida que vendrá.

De pie, luchar
el pueblo va a triunfar.
Será mejor
la vida que vendrá
a conquistar
nuestra felicidad
y en un clamor
mil voces de combate se alzarán
dirán
canción de libertad
con decisión
la patria vencerá.

Y ahora el pueblo
que se alza en la lucha
con voz de gigante
gritando: ¡adelante!



El pueblo unido jamás será vencido,
el pueblo unido jamás será vencido...



La patria está
forjando la unidad
de norte a sur
se movilizará
desde el salar
ardiente y mineral
al bosque austral
unidos en la lucha y el trabajo
irán
la patria cubrirán,
su paso ya
anuncia el porvenir.

De pie, cantar
el pueblo va a triunfar
millones ya,
imponen la verdad,
de acero son
ardiente batallón
sus manos van
llevando la justicia y la razón
mujer
con fuego y con valor
ya estás aquí
junto al trabajador.

7 commenti:

  1. Bel paesaggio anche sotto la pioggia ... mai visto dal vivo, ma credo che meriti. Ottima pure la canzone che cantavi ;)

    RispondiElimina
  2. un viaggio con la mamma non ha prezzo. ;-)
    E la musica + paesaggio, meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Linda, non ha prezzo il suo sorriso ...e non credere sia facile regalarglielo e regalarmelo vedendo il suo...ma quando accade è la felicità che ti passa accanto.
      Il paesaggio, guarda, ho sorriso di me stessa, perché non ero proprio contenta dell'esperienza pasquale in uno di quei posti mangiasoldi, dove ti incantano con effetti speciali e poi di qualità ne trovi davvero poca, così quando mi sono trovata immersa in quello spazio, caldo e accogliente della natura, è stato, è sempre un ritorno... e a casa non potevo non trovare la canzone della RIVOLUZIONE ;-)

      Elimina
  3. Un post stupendo...pieno di colori e di sapori autentici.

    un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Blue, un abbraccio a te

      Elimina