giovedì 18 aprile 2013

Stefano Rodotà




for President


tell it to Bersani
diteglielo a Bersani, è l'unica scelta possibile, buona e intelligente.
Fra l'altro l'unica che gli permetterebbe di salvarsi, forse la posizione politica, sicuramente l'anima! ché non svenderebbe anni di lotte politiche per il nulla!

6 commenti:

  1. Rodotà è un'idea buona e intelligente. Quindi assai poco italiana...

    RispondiElimina
  2. Lo apprezzo da anni, sarebbe il miglior presidente da tanti anni a questa parte ... già, una scelta poco italica, come dice quasi lo zio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cortina di protezione intorno all'Italia...facendo prima uscire quelli ...più matti, io sarei tra quelle. Perché la follia dell'italiano medio, non la mia, è pericolosissima! ;)

      Elimina
  3. il problema è che... a chi glielo dici?
    Il gruppo dirigente del PD s'è bevuto completamente il cervello
    Non capiscono più nulla nè del paese reale nè del momento drammatico che sta vivendo il popolo italiano

    Totalmente disconnessi e irraggiungibili nella distanza siderale che hanno scavato fra il loro empireo e il nostro vivere quotidiano.
    Fanno tristezza, fanno pietà.
    Ma non mi sbagliavo quando nel 2008 scrissi di un "partito-aborto" e di un aborto di partito.
    Un conglomerato rissoso e astioso diviso in cordate e in bande.

    Cosa ci sarà mai da salvare dopo questa ennesima Caporetto?

    Io un concetto l'ho chiaro; non meritano assolutamente la base che rappresentano.
    Sono largamente inferiori a un qualsiasi standard minimo di umiltà e di lungimiranza.
    Sono degli incapaci totali. Cento indizi oggi costituiscono ben più che una prova !

    A questo punto se anche si spacca questo pasticcio che è il Pd non può essere che un passaggio verso una chiarificazione di fondo. Chi è liberista e applica ricette montiane vada con i liberisti (vero Renzi?)

    Chi ha un minimo di coraggio e sostiene un modello alternativo di società e di paese futuro esca finalmente allo scoperto (fuori dal grigiore del conformismo imperante) e si assuma responsabilità.

    Di burocrati buoni per tutte le stagioni non se ne può veramente più!
    GAME OVER!

    Al diavolo Bersani, D'alema, Veltroni, Marini Bindi e Fioroni ... Dovrebbero solo che vergognarsi e chiedere scusa ai loro elettori... E poi via, a lavorare sul serio, e a non sporcare più il cielo della politica e della cosa pubblica con la loro pochezza umana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo d'accordo, Carlo! Se si sganciassero, quelli di sinistra del PD, da quelli che di sinistra non sono stati mai, seppure del PD, o forse lo sono stati ma non sapevano, allora, così come non sanno ora cosa o chi sono, cosa volevano e cosa vogliono, quelli senza pensieri se non il mantenimento della serenità personale, economica compresa, e di posizione sociale raggiunta, se si sganciassero, dicevo quelli di sinistra da quelli che temono tutto quello che va contro una politica e una morale democristiana della peggiore, quella fatta di immobilismo e di corruzione, forse una sinistra vera riemergerebbe dalle macerie di questi anni orrendi. Forse si capirebbe che è un nuovo modello di sviluppo che va perseguito, forse si capirebbe che la redistribuzione della ricchezza, attraverso anche il pagamento delle tasse pagate in modo proporzionale a quello che si possiede e la possibilità di accedere a servizi pubblici efficienti e di imprese che "imprendono" non per avere capitali infiniti da giocare in borsa o nella finanza o quel che è, invece di dare lavoro e ricchezza all'intero paese... insomma se la sinistra ridiventasse capace di pensare e agire per l'interesse comune optando affinché questo interesse comprenda anche le classi o i ceti meno abbienti, tutti, credo, saremmo risollevati, nell'anima e nella vita pratica!

      Elimina