giovedì 4 aprile 2013

Se...

fosse che si volesse lasciare esattamente le cose come stanno?
Se fosse che, anche considerati i risultati delle elezioni, si avesse paura ad affidare l'incarico a Bersani, che sarebbe comunque l'uomo con diritto almeno di prova alla formazione di un governo, visti i voti ottenuti...
I rappresentanti del movimento 5 Stelle avevano affermato di volere votare provvedimento per provvedimento, senza necessità di dare fiducia ad un nuovo governo, e comunque davanti a scelte chiare si sarebbero comunque dovuti esprimere...sarebbe potuto nascere qualcosa di diverso.
Io non credo che in questo caso ci siano colpe di Bersani, poiché sta resistendo a pressioni forti, io credo anche che, da parte della Presidenza della Repubblica, che ha scelto di nuovo, guarda il caso, tra i "Saggi" un uomo, Onida, che non vuole più sentir parlare di ineleggibiltà di Berlusconi, così ha detto l'altra sera da Lilli Gruber, ci sia la volontà precisa di ricorrere al noto, Monti e saggi senza un ruolo definito, non volendo riconoscere che quel noto ha rappresentato, nell'ultimo anno,  la prosecuzione dello sfacelo delle istituzioni italiane e della vita reale di molte persone e famiglie di lavoratori.
La scelta del Presidente della Repubblica, il quale ha ricordato che comunque è operativo il governo Monti, di congelare tutto al periodo pre-elezioni a me sembra un semplice terrore di affrontare il possibile cambiamento che il gruppo del M5S in "collaborazione" forzata, visto le numerose aperture del PD, con un governo scelto da Bersani, senza e dico senza e ripeto senza il PDL e il suo impresentabile capo (per dirla almeno una volta con la Annunziata), avrebbe potuto rappresentare. L'eventuale cambiamento era lì, dietro la porta, bastava che uscendo dal colloquio con Napolitano, Bersani avesse potuto dire - ho accettato l'incarico che mi è stato interamente e con fiducia assegnato, ora lavorerò e con me lavoreranno tutti coloro che hanno davvero a cuore questa Italia martoriata dalla corruzione e dallo sfacelo delle istituzioni - .  Il movimento 5 Stelle avrebbe chiesto subito inchieste e blocchi e aperture di dossier e documenti scomodi? Magari! Intanto qualche provvedimento di politica economica, qualche disegno di legge per la riforma elettorale, qualche cadavere corrotto e recuperato all'infinito grazie al pagamento di mazzette, tangenti, premi, schifezze, magari sarebbe andato a giusto processo!
Ma vi immaginate affermare che siamo stati governati per vent'anni da un uomo che può risultare colpevole di tutte le imputazioni ascrittegli? C'è qualcuno che crede che questo sia possibile?
Che immagine vien fuori dell'intero sistema politico italiano?
E degli italiani che votano sempre nello stesso modo credendo a promesse da miserabili?
Ora vien fuori Renzi a dire e dare le colpe di tutto al suo "compagno" di partito già rottamato da tempo nella sua visione delle cose e nel suo tentativo di scalata a... cosa? forse semplicemente al potere. Viene Renzi a dirci che un governo lo si deve fare anche con il PDL!!!!

Dove siamo?

7 commenti:

  1. Concordo con te ...possiamo dire che il re è nudo, ma il freddo lo sentiamo noi. Come sai non ho votato per nessuno di questi finiti in parlamento, ma quelli entrati stanno dando uno spettacolo indegno, a partire dai grillini. Renzi sappiamo da dove viene e dove vuole andare. Berlusconi è l'autobiografia della nazione, su questo non ho dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si capisce anche perché uno come Ingroia è stato snobbato dalla nazione intera!!!!!!
      Il gesto di Berlusconi con i polsi incrociati a ricordare le manette non è una provocazione? Un modo per dire - io sono talmente potente che tu non puoi farmi nulla? - Sembra un film, un film sugli insulti del potere a un concetto anche minimalissimo di giustizia.

      Elimina
  2. ...poiché la sicurezza viene dal mantenere le cose come stanno mica dal cambiamento...Renzi, rappresenterebbe quel cambiamento che lascia immutato il sistema. Che orrore, eh!?

    RispondiElimina
  3. la trappola:
    Bersani e i 5 stelle, poi i saggi, poi Renzi e Berlusconi

    in entrambi i casi si spaccheranno PD e M5S, vedremo chi sarà il presidente della repubblica, nuovo regista del gioco

    RispondiElimina
  4. E se fosse quel Letta tanto caro a Berlusca?
    E poi, ho paura che se arriva Renzi, quello, al pari di Berlusca si fa altri vent'anni e la differenza chissà se la sentiremo... o forse non è possibile!? siamo così tanto malmessi che collasserà davvero tutto?
    Ma hai visto dall'inchiesta di Le Monde quanti sono, da tutti i paesi dell'Europa gli straricchi che portano denaro nei paradisi fiscali, hai visto il furto al fisco europeo, mi pare abbiano detto, di cento miliardi di euro e tra gli straricchi ci sono imprenditori ma anche politici. I nomi di quelli italiani non si sapranno mai, ovvio, e anche se dovessero essere resi noti, pagheranno qualcosa? Continueranno a prenderci in giro dicendoci - io sò io, voi nun siete un cazzo! -

    RispondiElimina
  5. manca un tassello al tuo ragionamento: la Lega Nord. Siamo a un passo dalla secessione, per chi non se ne fosse accorto.
    Un altro lavoro sotterraneo, indefesso: Casa Pound e Forza Nuova.
    c'è di che aver paura.
    Per il resto, continuo a pensare che il Parlamento sia lo specchio fedele della gente che abita nel Paese. Basta guardarsi intorno, parlare, la sensazione è che nemmeno i laureati siano più capaci di andare a prendere il dizionario e vedere cosa significano le parole che stanno usando... Mi sono spaventato quando ho letto le reazioni (a sinistra) della frase di Bersani a novembre, quando ha detto che fra le sue personalità di riferimento c'erano don Milani e papa Giovanni: "due preti", hanno detto sghignazzando in tanti... Ma che si vadano a leggere le biografie di don Milani e di Papa Giovanni XXIII, e magari anche quelle di don Minzoni, di don Primo Mazzolari. C'entrano con la sinistra, eccome se c'entrano. Ma no, niente, si va avanti a sorrisini e a luoghi comuni. In queste cose, il M5S è esemplare, sono tutti così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, la Lega Nord...in questo tempo ho l'impressione che stia nell'ombra a dare ragione a qualsiasi potente di turno, no, non mi sono accorta di quello che tu dici...

      Don Milani?
      MAGARI! E' terribile come, davvero, i pensieri grandi, potenti di saggezza, di vista, di sguardo, di intelligenza siano trascurati e dimenticati.

      :-)

      Elimina