martedì 26 febbraio 2013

Io credo



che gli italiani vivano nella nostalgia di un tempo nel quale veniva ad essi negata qualsiasi responsabilità. Tempo dell'infanzia, tempo di dittature, di imperi, non necessariamente esistito nella realtà, ben presente nei loro desideri.
Tutti coloro e tutto quello che richiama la responsabilità individuale, la fatica della scelta, la serietà e il rispetto nel rapporto con l' "altro", con la cosa pubblica, con il suolo che calpestiamo e con l'aria che respiriamo, con l'acqua che beviamo, la fatica, dunque, che richiede la "naturalezza" della nostra condizione umana, tutto questo agli italiani dà fastidio. Se si trova qualcuno che si dichiara pronto ad alleviare ad ognuno questo "peso", lo si elegge a proprio capo. Da lui si attendono riconoscimenti e punizioni, con lui si riesce a stabilire un rapporto di sudditanza felice e ignara e complice e burlesca.


4 commenti:

  1. Lo credo anch'io da tempo. E tu l'hai scritto molto bene.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Grazie, Lara, grazie mille.
    E' un sollievo e una felicità, quasi, di questi tempi, trovare persone capaci di vedere aldilà delle menzogne, delle palesi illegalità che tra non molto verranno definite legalità, si dico, proprio per legge. Tipo il falso in bilancio per intenderci, non esisterà più neppure la mafia, guarda, se continueremo così.

    RispondiElimina
  3. Io credo peggio. Per avere nostalgia servono comunque cervello e sentimenti: in lobotom-italY scarseggiano pure quelli! Con metà elettorato composto da telespettatori semianalfabeti, allocchi creduloni, mezzi criminali e disonesti, dove vogliamo andare? Se poi l'altra metà si comporta, come nostro destino, come i capponi di Renzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci resta che piangere!
      Cervello e sentimenti!!!! Hai detto poco!!
      Forse più che prendere di mira i bancomat, eventuali nuovi e risolutivi black bloc, dovrebbero prendere di mira i negozi di elettrodomestici con in vendita i televisori! Così, verrebbe da dire, Grillo non ha neppure tutti i torti!

      Elimina