venerdì 11 gennaio 2013

Ho visto un re



Uno dei tanti Re italiani (tanti relativamente al numero dei Re per nazione).
Ieri uno di loro stava da Santoro, Servizio Pubblico, su  La7.
Quello di ieri identificava il problema dell'ingovernabilità dello Stato italiano nella Costituzione dello Stato stesso. La divisione dei poteri, là affermata, aveva senso agli albori dello Stato democratico del dopo guerra, per riparare i guasti della dittatura mussoliniana precedente.
Al giorno d'oggi, quella divisione non ha più senso ma, anzi, ostacola la certa, buona amministrazione di un solo uomo al comando! I motivi di tanta certezza nella bontà dell'eventuale politica di quell'unico uomo stanno nell'uomo stesso che enuncia questa bizzarra teoria, il Re, appunto!
La vita della società italiana andrebbe meglio se solo lasciassimo fare tutto a lui, se solo riuscissimo, soprattutto noi sinistri personaggi della sinistra (ideologia sanguinaria e inumana!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!), il Re perde le staffe nell'urlare tanto potente verità, se solo riuscissimo, dicevo, ad affidarci totalmente a lui e ai suoi caporali. Eccolo il moderno Stato democratico, ha detto: - L'Italia diventerà così un paese normale, un paese come tutti gli altri!! -
Cosa ci vuole?
Peccato non sia possibile mandare nelle strade neri figuri, tipo le camicie nere degli anni Trenta o, perché no, tipo le SS (peccato fossero tedeschi), per convincere noi, inumani, della giustezza della sua teoria. Il Re, che mantiene una signora che è stata sua moglie, apprendiamo sempre dalle sue parole, e non faccio altro che ripetere le sue parole, con 250 milioni di lire (ha voluto ricordare, in un gesto di sommo affetto la valuta trapassata) al giorno! Più Re di così!
E questo è uno!
L'altro Re? Uguale al primo, senza signore da mantenere, ma anzi legatissimo dal super vincolo del Santo Matrimonio alla Chiesa stessa, legato sì, con un legame però non tanto forte quanto quello che lo lega alla Finanza internazionale, al Sistema Bancario Mondiale, al denaro visto, quasi, come entità spirituale!!! Il sangue della vita, così come lui concepisce la vita. Anche lui però convinto di poter essere l'unico ad essere in grado di salvare l'Italia.
I Padri Costituenti ne dovevano avere di lungimiranza e saggezza a prevedere per l'Italia un futuro tanto nero da affidarla a delle parole scritte su fogli bianchi raccolti in un fascicoletto intitolato

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

dovevano aver capito bene l'animo degli italiani e, un poco, dell' "Uomo" in genere, ad avere sottolineato l'importanza della divisione dei poteri, della collaborazione tra le varie entità, che costituiscono uno Stato, per la realizzazione del Bene Comune, a prevedere ed indicare Diritti e Doveri, ad indicare Valori fondamentali sui quali ognuno avrebbe dovuto basare la propria azione, in quanto ognuno all'interno di una società è responsabile, per la propria parte di come la società progredisce o arretra. 
Altro che Re, Uomini e Donne ci vorrebbero.

Una chicca: Monti, a parere di Berlusconi, farebbe una politica di sinistra per avere reintrodotto l'IMU o tassa sulla proprietà immobiliare o sulla casa o su cosa volete voi.

12 commenti:

  1. Ma perché danno tutto questo spazio a questo pericoloso buffone? Ma perché Santoro lo ha invitato? Perché non insistono sul confronto all'americana con i programmi in mano e faccia faccia?
    Io non ho voluto vederlo. Gia sapevo cosa avrebbe farneticato e non volevo far parte di quei nove milioni di italiani che lo ha visto.
    La Costtuzione dici? Ci pulirebbe le scarpe, se potesse e lui e tutti quelli che lo voteranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero curiosa di vederlo nel confronto con uno che, a suo tempo, aveva bandito dalla RAI con l'editto bulgaro, ricordi? E' che in politica ci si dimentica di tutto, niente ha senso, inutile cercare coerenza, ci si combatte con tutte le armi possibili, i più onesti offrono il fianco a qualsiasi eventuale pugnalata, forse convinti che, magari, un qualche beneficio potrà comunque arrivare alla propria immagine... A questo punto entra in gioco la capacità di ognuno, dello spettatore, dell'elettore di fare appello al proprio senso critico, alla propria intelligenza, alla propria voglia di autodeterminazione...e, se ci rimane solo il voto, a mio parere, non sprecarlo significa votare per l'unico movimento che mi pare avere credibilità in questo momento, quello di Ingroia.

      Elimina
  2. La confusione regna SOVRANA, propagata da questi ectoplasmi in forma umana.
    Ed è un caos "scientifico", voluto. Ognuno recita una parte solo per togliere ogni possibilità di rinascita al popolo italiano. Solo per mantenere un clima emergenziale attraverso l'ingovernabilità imposta a tutti i costi e come condizione "sine qua non" per imporre ogni tipo di scippo economica e rapina di legalità. Provo un velo di pietà per quel pover'uomo di Bersani che ingenuo, pensa di poter un giorno governare o magari di arrivare a governare, con una politica comune con Monti. Senza capire che sarebbe un abbraccio mortale, il sepolcro definitivo
    per il Centrosinistra.
    E' un uomo onesto Bersani, questo sì, ma talvolta rasenta il ridicolo, il masochismo più annichilente, Una stoltezza, votata alla sconfitta. Invece di mettere in campo dei programmi alternativi, un modello sociale nuovo, iniziative per ridare fiato e futuro alle nuove generazioni, finirà per appiattirsi su posizioni e ricette liberiste fallimentari.
    Per chi? Per salvare chi? Per difendere cosa? uno status quo che francamente fa ribrezzo?
    Di certo un piano simile non fa certo gli interessi delle classi lavoratrici e dei ceti meno abbienti di questo paese. Quanti decenni ancora ci vorranno per capire che nel Terzo Millennio occorre il coraggio di sapersi incamminare su strade nuove, proponendo finalmente un modello di società solidale, sostenibile, equilibrata, finalizzata a temperare le disuguaglianze e tesa alla diffusione di un benessere diffuso?
    Alcuni l'hanno chiamato superamento del modello capitalistico, altri ancora lo indicano come abbattimento della dittatura della Finanza Globalizzata e sua regolamentazione.
    Perchè l'Economia e la Finanza ritornino ad essere soltanto strumenti per lo sviluppo di una società "umana". Perchè la persona che nasce su questo pianeta abbia di meglio da fare che essere schiava di questi poteri.E possa guardare oltre la lotta per le risorse materiali incamminandosi verso un nuovo Umanesimo. Quà occorre che la politica dica chiaro e forte, da che parte andare e da che parte stare! I conigli sono pregati di astenersi. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà solo ingenuità quella di Bersani? o non la convinzione che il modello di capitalismo finanziario, il modello di "crescita", ormai, tanto radicato nelle nostre società, sia quello inevitabile? perché se così fosse, se ci fosse questa convinzione significherebbe che non esiste più un'idea di sinistra. Non si può assumere la definizione di "moderati" data da altri per entrare nel consesso delle persone civili. Ma quando mai? Non si può voler essere tutti uguali. Se esiste la sinistra esisterà un modo diverso di vedere il mondo e i rapporti tra le persone. Il "moderatismo" è una gabbia imposta dai potenti per essere lasciati in pace da coloro la cui potenza si vuole negare. Insomma Chi glielo dice a Bersani che deve assumersi intera la responsabilità di essere di sinistra? Chi glielo dice che, magari, allora, il popolo lo seguirebbe?

      Elimina
    2. E' quello il punto. Il "popolo" come dici tu, le persone comuni, persino i piccoli imprenditori che stanno vivendo sulla loro pelle una crisi senza precedenti invocano ricette di politica economica ben diverse da quelle di Monti. C'è una gran parte della società civile che aspira ad altro, ad un cambio di rotta, graduale ma in una direzione ben precisa.
      Le persone sono più avanti dei vertici del Centro-sinistra, che muoiono di paura ogni volta che dicono qualcosa di diverso dall'agenda Monti. Ti rendi conto? E allora io dico, che si voti Ingroia, Vendola, Bersani o addirittura Grillo, occorre che arrivi un segnale forte dalle Urne.
      Bersani non fa altro che rafforzare l'idea di una Sinistra subalterna, che ha sempre bisogno di scopiazzare dal campo liberista e ultra-liberista(basti pensare alle bestemmie professate da Ichino). E invece oggi di fronte al totale fallimento delle ricette del Reaganismo e del Tatcherismo che hanno aperto il campo alla dittatura della Finanza, occorre rivendicare con orgoglio il fatto di avere idee alternative. Il Terzo millennio è appena iniziato e noi vogliamo affrontarlo con ricette logore e antiquate come quelle di Monti?
      Date ai ricchi perchè dei ricchi è il regno dei cieli?
      Che senso ha favorire una ulteriore concentrazione della ricchezza nelle mani di pochissimi, mentre tutti gli altri scivolano nella precarietà e nella miseria? Bersani se davvero è aperto al rinnovamento queste cose deve comprenderle e affermarle con forza, altrimenti farà soltanto la figura del "coniglio" che per paura della propria ombra, si metterà comodo comodo all'ombra di Monti e dei Poteri forti che già spadroneggiano sui principali mezzi di comunicazione.

      Elimina
  3. Francamente ho snobbato il teatrino (come tutti i programmi di pseudo-politica). Credo che Monti e Berlusconi siano le due facce della stessa merdaglia, e se è possibile raccontarle così grosse (Monti che ha fatto una politica di sinistra? ma che cavolo dici?, banana), senza che nessuno spieghi che Berlusconi ha condiviso la politica di Monti (quanto Bersani, che ha già in mente di andare al governo insieme, con buona pace di Vendola), siamo messi male. Tra l'altro, non mi sorpenderei di vedere Monti-Berlusconi-Bersani che si mettono insieme per un governissimo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure io, All, non mi sorprenderei affatto, anzi, guarda, ne ho la triste certezza. Ho anche pensato che, seppur convinta che Ingroia sia la soluzione migliore, indebolendo ancora di più il PD, renderemo impossibile la creazione di una maggioranza forte. No, davvero la politica di questo tempo, di quello dell'immediato futuro non appare una gran bella esperienza, soprattutto per le classi meno abbienti. Non smettere di lottare, ognuno come può e come sa. Ascoltare, capire e confrontarsi, questo potrà essere importante.

      Elimina
    2. Forse mi sbaglierò, ma il pd ha già in programma di andare al governo con Monti, leggendo tra le righe (ma manco tanto, vedi le interviste di Bersani, vedi il programma del suo partito e cosa ha fatto al governo in questi mesi), si capisce che è già scritto. L'unico modo per scongiurarlo, e liberarsi di Monti, è votare proprio Ingroia. Tieni poi presente, che le tante liste in gioco, renderenno impossibile a tutte di avere una maggioranza, e per questo ci sarà per forza un governo pd-monti e forse pdl, o una parte di pdl (con la scusa dell'Europa). Per questo Ingroia è la soluzione migliore. Modesto pensiero mio, la Storia ci dirà chi ha ragione ...

      Elimina
  4. Ne ho una bellissima versione con Jannacci e Dario Fo.
    La mia parte preferita è "Pover purscèl. Nel senso del maiale". Ma quello che da tempo stiamo subendo è l'assalto dei Maiali di Orwell. E altro che poveri, quelli. Poveri noi!

    p.s. stranamente non te l'ha detto neppure l'amico Ally, che di solito è in prima linea in questa battaglia: ti segnalo che, forse a tua insaputa, per commentare qui appare la fastidiosissima verifica parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto a te :-), allora!
      Allora... no, la verifica parole non sapevo che apparisse e concordo che è fastidiosissima! Guarda che a volte faccio fatica anch'io a rispondere ai commenti, visto che mi devo scollegare e poi ricollegare per apparire con il mio avatar...però sono di quelle cose che cerco di deviare senza soffermarmici troppo...un pò come la burocrazia delle banche e i conti delle spese :(
      E' vero che i poveri siamo noi! però...però però...se come tu dici dis-obbediamo, dissentiamo, disertiamo i loro luoghi i loro pensieri, li vivisezioniamo con il nostro spirito critico...forse riusciamo a ... sconfiggerli? Perché no?

      Elimina
    2. In effetti io sono da sempre schierato contro il captcha, e mi pareva di avertelo scritto, per questo non l'ho più fatto. Di solito chi non mi ascolta, dopo poco lo abbandono nei commenti, ma il tuo è un blog così interessante, che non resisto ...e poi, c'è anche il fatto, che sto organizzando un no-capthca day, e coinvolgerò tutti quelli che vorranno. Ne approfitto, grazie all'amico Nick, per dirtelo, togli il captcha, non serve a nulla, impedisce ai ciechi di commentare, mi sta facendo perdere la vista (a volte lo devo scrivere 3 o 4 volte). Tu poi, hai già la moderazione dei commenti, che ritengo sbagliata per diffondere rapidamente le idee, ma che alla fin fine non mi disturba tanto quanto il capthca.

      Elimina
  5. Ci provo ragazzi, non è detto che mi riesca. Baci (mi sono proprio lanciata!!!!)

    RispondiElimina