sabato 8 dicembre 2012

School Libraries (forever, siempre, for our future)



I piccoli editori chiedono una legge ad hoc, unica per il settore, che tuteli davvero il pluralismo
culturale. (ASCA, Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale)

Roma, 7 dic - E' stato istituito ed e' gia' operativo il tavolo interministeriale per il libro e l'editoria. Lo ha annunciato questa mattina il sottosegretario per l'Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri Paolo Peluffo intervenuto oggi a Piu' libri piu' liberi, la fiera nazionale della piccola e media editoria in corso al Palazzo dei Congressi dell'EUR a Roma. La richiesta era stata avanzata dal presidente dell'Associazione Italiana Editori Marco Polillo nel corso della Buchmesse di Francoforte. ''Oggi arriva la risposta alla vostra richiesta - ha spiegato Peluffo -. Il tavolo e' voluto e presieduto da me, d'intesa con il Ministro Ornaghi, e coinvolge tutti i Ministeri strategici per il libro e l'editoria: Istruzione, Sviluppo, Economia e Finanze, Presidenza del Consiglio e Beni e Attivita' culturali. L'obiettivo e' raccogliere le istanze del mondo dell'editoria, in primis dell'AIE ma di tutta la filiera, per elaborare un documento di proposta al futuro Esecutivo che davvero rimetta al centro il libro e l'editoria. La lettura e' il punto da cui il Paese puo' ripartire''. Peluffo ha poiricordato come ''all'interno del decreto Sviluppo appena promosso in Parlamento sia stato approvato, per promuovere i prodotti editoriali e le opere dell'ingegno su piattaforme digitali, un credito d'imposta del 25% con uno stanziamento di 5milioni di euro annui''. Il tavolo interministeriale si riunira' nuovamente entro un mese per proseguire i lavori: il primo incontro si e' gia' svolto la scorsa settimana: ''Siamo contenti - ha commentato al termine Polillo - Per noi era vitale un coordinamento tra i Ministeri e questo tavolo va nella direzione auspicata''. Nel corso dell'incontro Enrico Iacometti, presidente dei piccoli editori AIE ha chiesto ''interventi legislativi sul libro a favore del pluralismo culturale, corsie preferenziali per poter ottenere fondi agevolati destinati all'innovazione, incentivi e modalita' di aiuto per la nascita e lo sviluppo di librerie indipendenti e biblioteche pubbliche e scolastiche, indispensabili per una editoria in grado di promuovere e di offrire non solo prodotti destinati a un mercato di massa''.


foto di bibliomatilda
incrociando le dita e chissà che tutto vada per il meglio
perché lo merito, 
perché lo voglio.

2 commenti:

  1. "biblioteche pubbliche e scolastiche, indispensabili per una editoria in grado di promuovere e di offrire non solo prodotti destinati a un mercato di massa": commovente.

    Un bacio, Mat.
    p.s. bella la tua postazione, un po' ti rappresenta: una conchiglia, una collana, matite in ordine, Paul Klee... :)

    RispondiElimina
  2. Hai visto, Linda? Le idee sono belle e importanti...perché si riesce così raramente a realizzarle? Oggi il mio preside ha detto ad una collega che ascoltava del mio amore per i libri, la conoscenza e l'arte, - Mat è a casa sua, qui. -
    "qui" era la biblioteca della nostra scuola. I miei sorrisi grandiosi...incrociamo le dita, Linda, che gli invidiosi sono ovunque. Due baci :-)

    RispondiElimina